Published On: Mer, Apr 3rd, 2019

Musel di Sestri Levante: le nuove iniziative da aprile fino all’estate

L’intenso programma di Aprile al MuSel e a Palazzo Fascie inizia dall’1 al 6 aprile con la mostra “Primavera tempo di prebuggiun”, curata dal LabTer Tigullio ed allestita in Sala Bo, esposizione che si concluderà con due escursioni viste come un “viaggio” tra le erbette spontanee del nostro territorio e previste per sabato 6 e per sabato 20 aprile: a tutti i partecipanti sarà regalato un biglietto per visitare il MuSel con ingresso scontato.

L’ideale percorso “Da Sestri al mondo, dal mondo a Sestri” prosegue poi con il primo di tutta una serie di laboratori e attività rivolti ai bambini e alle loro famiglie, e che verranno previsti in genere, ogni prima domenica del mese, proprio quando l’ingresso al Museo è gratuito: domenica 7 aprile alle ore 15,00 si svolgerà infatti “Se una macchina del tempo ci mostrasse viaggiatori e viandanti…” a cura dell’archeologo Emanuele Alessio, esperto in didattica museale. Filo conduttore di questa attività rivolta ai bambini di età compresa tra i 6 e i 12 anni sarà il viaggio inteso sia come avventura sia come disavventura, sia come scelta sia come necessità; al termine sarà offerta una piccola merenda per tutti offerta da Latte Tigullio e Zucchero Amaro e ogni partecipante tornerà a casa con un ricordo della visita. Costo dell’attività: 5 euro a bambino (genitori gratuiti); prenotazione obbligatoria entro le ore 13 di sabato 6 aprile telefonando allo 0185 478530 oppure scrivendo un email a info@musel.it

A Pasquetta, invece, è tempo di camminare e conoscere così uno degli itinerari più belli e affascinanti della Liguria, un itinerario breve e adatto a tutti, grandi e piccoli, fino ai ruderi della chiesetta di Sant’Anna tra Cavi di Lavagna e Sestri Levante: con “Quattro passi nella storia” l’archeologa e guida turistica Ilaria Lanata percorrerà i cinque ponti della Valle del Fico, per anni erroneamente definiti “romani” (in realtà -pur essendo antichi quanto le prime case del Tigullio- i “ponti” di Sant’Anna sono stati rifatti nel 1700). L’escursione avrà una durata di mezza giornata proprio per permettere a coloro che parteciperanno di potersi poi rilassare in centro a Sestri Levante o sulla spiaggia. Costo: 7,50 euro, prenotazione obbligatoria entro le ore 17 di sabato 20 aprile telefonando allo 0185 478530 oppure scrivendo un email a info@musel.it. A tutti i partecipanti sarà regalato un biglietto per visitare il MuSel con ingresso scontato.

Ma il programma di Aprile al MuSel non è solo viaggi, è anche storia locale e passione, come quella che si assaporerà venerdì 5 aprile alle 17 nella presentazione del libro “I magnifici a Sestri Levante. Presenze nobiliari dal XVI al XVIII secolo, curato da Sandro Antonini in collaborazione con Barbara Bernabò, un prezioso contributo alla storia di Sestri Levante con le grandi famiglie genovesi che elessero Sestri come luogo privilegiato per le “fiere di cambio” e per lo “svago”. Al temine della presentazione la conservatrice del MuSel, Marzia Dentone, illustrerà assieme ai due studiosi le sale del Museo dedicate al tema.

Aprile al MuSel si concluderà inoltre aspettando la festa dei lavoratori del primo maggio, sempre molto sentita a Sestri Levante, con la proiezione di immagini del lavoro e la visita guidata gratuita di domenica 28 aprile intitolata “La Sestri del lavoro”: un pomeriggio quasi di “trekking urbano” alla scoperta della Sestri che non c’è più, tra storia e memorie dei luoghi dove sorgevano fabbriche grandi e piccole.

E a differenza degli altri paesi costieri delle due riviere, Sestri Levante unì nel tempo una duplice caratteristica: una forte presenza aristocratica che ne disegnò il territorio connotandolo dal punto di vista agricolo-padronale e, successivamente, una identica presenza industriale, che lo connotò per l’alto numero delle maestranze.

Il MuSel si trova nel Palazzo Fascie Rossi in Corso Colombo 50 a Sestri Levante, ed è aperto regolarmente tutti i giorni, anche al lunedì, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17.

Palazzo Fascie (Foto: TIgullio News)