Published On: lun, Mar 26th, 2012

12 priorità per Carannante

Andrea Carannante

Andrea Carannante

RAPALLO. Andrea Carannante, candidato sindaco del Partito Comunista dei Lavoratori presenta le 12 priorità del suo Partito per il Comune di Rapallo.

  • Blocco della costruzione del depuratore cittadino, costruzione del depuratore ecologico comprensoriale, Municipalizzazione senza indennizzo dell’acquedotto, raccolta rifiuti differenziata (quella vera) con conseguente abolizione della TARSU
  • Apertura di una discussione pubblica che porti al ripensamento della Curia e del Comune, per il cambio di destinazione d’uso dello spazio della costruenda Chiesa di Sant’Anna, con un parco pubblico per bambini.
  • Massicci investimenti nella scuola pubblica messa in sicurezza di palestre, asili e scuole, abolizione della spesa per le famiglie per la scuola dell’obbligo (libri e buoni pasto)
  • In materia di sanità chiediamo, come misure urgenti a carico del Bilancio Comunale, un ambulatorio pubblico e gratuito (servizio attualmente assolto, a pagamento, dalla Croce Bianca) e un servizio di trasporto gratuito per i dializzati.
  • Stop all’edilizia privata, investimenti in edilizia pubblica urbanistica come la passerella sul boate, prolungamento della passeggiata a mare di Prelo per Santa Margherita e dal Castello dei Sogni fino a Zoagli (proposta da noi avanzata nella scorsa campagna elettorale, ripresa dal centrodestra che vinse le elezioni ed ovviamente mai realizzata), con contestuale ristrutturazione delle vie di accesso alle spiaggia del Castello dei Sogni del “pozzetto”
  • la creazione di una spiaggia libera attrezzata al posto dei bagni Lido – Flora, con eliminazione delle cabine e destinazione di uno spazio nella spiaggia per il posizionamento di un certo numero di piccole imbarcazioni di residenti . Senza le cabine che ostruiscono la visibilità e con le lance e i gozzi in spiaggia Rapallo tornerebbe ad assumere l’aspetto di una città di mare.
  • Apertura di un tavolo di discussione sul traffico e sull’inquinamento che possa nel giro di massimo sei mesi, adottare misure drastiche per la soluzione del problema.
  • posizionare dei “dissuasori” ( le cunette artificiali gialle e nere) in alcuni punti della città, spesso percorsi dalle auto a grande velocità, con conseguente pericolo per l’ incolumità dei pedoni.
  • Abolizione degli stipendi per gli amministratori comunali eletti (Sindaco, Assessori, gettone per Consiglieri), sostituzione con semplice rimborso spese facoltativo
  • Serio censimento delle case sfitte, abbinato ad un controllo più rigoroso riguardo alla concessione ed al mantenimento della residenza, e di introdurre una tassazione straordinaria sulle case sfitte da oltre un anno. Confidiamo che questa misura possa costringere molti proprietari ad affittare, con una conseguente riduzione del prezzo di mercato degli affitti. In ogni caso le risorse derivanti dalla tassazione straordinaria dovrebbero essere impiegate per sostenere le famiglie più bisognose attraverso un contributo pubblico volto a coprire una certa quota dell’affitto.
  • Il territorio occupato dall’attuale campo del golf è una risorsa di grandi potenzialità, a cui di fatto i rapallesi devono rinunciare. E’ quindi necessario che il campo da golf sia pubblico, come avviene in altri Paesi. E non sia riservato solo ai golfisti, ma venga affiancato da percorsi pedonali immersi nel verde, a disposizione di tutti.
  • Strutture sportive: a Rapallo per mandare i figli a praticare qualsiasi sport bisogna pagare, pagare e ancora pagare. È assolutamente necessario investire risorse e contributi alle associazioni sportive, nonché ovviare a carenze strutturali enorme, fra le quali vogliamo citare solo le due più evidenti: la mancanza di un campo per l’atletica leggera dall’assenza di un palazzetto dello sport comunale.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>