Published On: Ven, Mar 9th, 2012

8 marzo: segno più per le iniziative organizzate a Sestri Levante

SESTRI LEVANTE. Donne calpestate, maltrattate, zittite, massacrate. A loro erano dedicate le iniziative che hanno reso per un giorno Sestri Levante capitale dei diritti della donna, della rivendicazione di una parità di cui si parla da sempre ma che non è mai arrivata (vedi questo articolo). Alcune decine di persone hanno partecipato al presidio spontaneo organizzato a un gruppo di donne sestrine, madri e lavoratrici, per ricordare attraverso la lettura di storie, dati e statistiche il massacro silenzioso che avviene ogni giorno. In piazza Matteotti con le organizzatrici c’erano anche bambini, che hanno preparato uno striscione coloratissimo per dire a loro modo “no” alla violenza, mariti e compagni:  “il 25 marzo 1911 alla Triangle West company di new York 170 operaie morirono a causa di un incendio, senza poter salvarsi perchè chiuse a chiave dai padroni che temevano che potessero rubare o assentarsi durante il lavoro; erano quasi tutte di origine italiana – spiega Massimo Demattei – ricordando loro è doveroso ricordare la violenza che sulle donne viene esercitata continuamente, lo abbiamo fatto come si fa a Londra, nell’Hyde Park angle”.

Alle 22 nel vicino cinema Lux è andato in scena lo spettacolo teatrale Ilaria Alpi, una donna, una giornalista. La sua storia, organizzato dall’associazione Acari, scritto e interpretato da Claudio Rossi, in scena insieme alla voce di Laura Modonesi e al basso elettrico di Andrea Canessa, con un’installazione di Megaèl.  A partire dalla canzone dei Gang Chi ha ucciso Ilaria Alpi? un viaggio attraverso gli ultimi giorni di vita della giornalista inviata di guerra in Somalia dalla Rai e uccisa nel 1994 a Mogadiscio: interviste al sultano di Bosaso, resoconti di bombardamenti, testimonianze di chi c’era, fino alla scoperta di verità scomode che hanno portato a quella che fu una vera e propria esecuzione. Un momento buio della politica internazionale che vede ancora oggi l’Italia al centro di un caso su cui non si è mai voluto fare realmente chiarezza.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>