Published On: Lun, Nov 23rd, 2015

A Sestri Levante smentita l’apertura di una moschea sovvenzionata dal Comune

In Italia cresce la tensione dopo il mattatoio di Parigi, caduto a ciel sereno, nonostante da decenni in Israele si vivano le stesse situazioni. Così suona sbagliato il dibattito sulle moschee.
Per esempio quella di Roma, più alta di San Pietro, fu commissionata e pagata dai Sauditi per un motivo di prestigio, più che per necessità di culto. In altri casi, tuttavia, dei piccoli spazi vengono affittati dagli islamici locali. Quindi il problema non è la libertà di culto quanto il controllo sulla violenza e il terrorismo di matrice wahabita. E’ vero che l’islam non è terrorismo, ma è anche vero che quasi tutti i terroristi degli ultimi decenni si dichiarano islamici. Così dichiarava il direttore della tv Al Arabiya nel 2007.

Oggi c’è chi dice “apriamo più moschee (purché con predicazione in italiano), così possiamo controllare ciò che si dice e si predica”. Ma così si rischia di trasformare un culto -giusto o sbagliato che lo si consideri- in un controllo di polizia. Cosa che non sarebbe liberale.
Nessuno poi vuole le moschee costruite a spese dei Comuni. Molti invece non vogliono nessuna moschea. Ma anche qui si devono fare distinzioni. E’ chiaro che la collettività non può finanziare un culto: la fede dovrebbe essere privata, persino nell’Italia dei Patti Lateranensi. Quindi, ognuno, se vuole, può affittarsi una sala e adibirla a luogo di culto, come fanno i protestanti italiani da centinaia di anni (nel passato a rischio della vita).

E’ pur vero che nella parrocchia di Santa Vittoria di Fossalupara -frazione di Sestri levante- negli anni passati si sono avuti diversi momenti di adunanza degli islamici del Tigullio in occasione del Ramadan. La celebrazione (vedi fotografia sotto) fu seguita dal Comune e gli spazi furono resi disponibili dalla parrocchia, senza che ci fossero problemi di alcun tipo.
In ogni caso a Sestri Levante, l’assessora Lucia Pinasco ha categoricamente smentito ogni coinvolgimento in denaro dell’Amministrazione pubblica per la costruzione di una moschea del Tigullio a Sestri. Ecco quanto scrive sulla sua pagina Facebook:

Il dialogo, la collaborazione e l’amicizia con la Comunità Musulmana sono per la nostra città un valore. In questi anni abbiamo condiviso un percorso che si prefiggeva come obiettivo l’integrazione e la sicurezza, e ognuna delle tante e importanti iniziative realizzate è nata dal confronto e dalla fiducia reciproca. A dispetto di quanto alcune forze politiche in questo momento cavalcano non mi risulta che sul nostro territorio vengano erogati contributi e/o finanziamenti ad alcuna organizzazione religiosa. Allo stesso tempo mi risulta che ogni manifestazione di Culto Islamico, solitamente avvenuta in occasione del Ramadan, sia stata attamente monitorata sia dalle forze dell’Ordine che operano localmente sia dalla Sezione DIGOS di Genova che non ha mai rilevato alcuna irregolarità ed ha sempre relazionato con me sui controlli compiuti.

Rispetto alla richiesta di spazi, esattamente come per altri gruppi di persone di diversa confessione, è sempre stato risposto a tutti che l’Amministrazione non solo non dispone di spazi liberi da affittare, ma che gli stessi sono comunque da destinarsi ad associazioni che svolgono attività di volontariato, e non da adibirsi a luogo di preghiera. Tutti i richiedenti hanno poi la possibilità di cercare autonomamente sul libero mercato una sede idonea, e sono liberi di percorrere questa direzione.

Come Assessore alle Politiche Sociali e alla Pubblica Istruzione in accordo con il Sindaco e l’amministrazione ritengo fondamentale proseguire nel naturale dialogo che si è venuto a creare con le Comunità del Mondo presenti sul nostro territorio, e la sincera vicinanza al dolore di chi sta soffrendo a causa dei tragici attentati di Parigi insieme alla ferma e totale condanna degli stessi, non può essere la motivazione per punire persone che pur provenendo da una Cultura differente non hanno nulla a che fare e non condividono sotto alcun aspetto azioni disumane e di gravità assoluta.

L'Imam del Tigullio Ahmed Abdou

L’Imam del Tigullio Ahmed Abdou

 

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>