Published On: Lun, Mag 25th, 2020

Alitalia, nuovo dato sul disastro. Sprecare denaro pubblico non è più perseguibile?

Ecco i dati riportati su Radio Capital (programma le Belve” di Oscar Giannino) dal giornalista tedesco Tobias Spiller, corrispondente della Frankfurter Allgemeine Zeitung dall’Italia.

Alitalia e Lufthansa nei primi anni ’90 fatturavano all’incirca la stessa somma.
Poi è arrivata la fine delle compagnie di bandiera con l’arrivo del low cost, e Alitalia ha cominciato a precipitare in basso, colpa della nostra inadeguatezza (*).
Risultato -per dare un’idea, soltanto un’idea…- Nel 2018 gli UTILI di Lufthansa erano SUPERIORI all’INTERO FATTURATO Alitalia.

Poi, col covid-19, anche sui jet tedeschi non è più salito nessuno, e sono partiti gli aiuti di Stato, ma in misura minore -fatto il paragone su fatturato e flotta- rispetto ad Alitalia, per la quale del resto gli aiuti proseguono da ben prima della crisi da covid. Il fatto che gli aiuti vadano a un’azienda in fallimento, non dovrebbero -in un Paese “normale”- essere oggetto di uno straccio di inchiesta?
Ma come: governi (di diverso colore) buttano via miliardi di denaro dei cittadini e nessuno pigola?

(*) E’ tutto il Paese a non avere conoscenza delle leggi economiche, a non avere la minima tensione verso l’entelechia (=autorealizzazione) a non avere contezza del libero mercato ma solo di quello guidato dal “popolo sovrano”, cioé dai partiti e dal loro codazzo di cortigiani e imprenditori amici. L’antieconomia è la nostra economia.

Aeroporto di Singapore