Published On: Mar, Set 12th, 2017

Alluvione a Livorno: nel Levante salvati dal libeccio. In Toscana errori clamorosi

Riceviamo dal capitano Pier Luigi Caffese una nota sui recenti eventi meteorologici a Livorno, che hanno provocati 8 morti e ingenti danni:

“Genova e Sestri Levante (col Tigullio) devono ringraziare il libeccio forte in mare che ha spostato le bombe d’acqua verso Livorno.
Quelli che in Toscana hanno fatto le previsioni meteo con alert arancione sono andati a dormire tranquilli senza calcolare che la nube -passando su mare caldo- s’ingrassa d’acqua. Cioe’ non sanno fare 2 calcoli da bagnino o non sanno leggere i dati meteo. Poi non danno allarme alle 24 e persino alle 4.00 nessuno segnala. In Alto Adige ci sono le sirene e le campane del parroco,poi tv e cellulari. A Livorno nulla se non una allerta arancione che dice piogge violente ma poi non metto nessuno ai monitor e non so calcolare la deriva libeccioPoi arriva Galletti dicendo ci vuole un centro unico a Bologna,ma se non sanno nemmeno calcolare quanto gonfia e sposta le nubi il libeccio.  Calcolo facile con radar tridimensionali meteo di marina ma se li metti a Bologna che ci fai? Anni fa proposi Genova o la Spezia e nella Riviera di Levante bastano 3 radar: uno a Portofino vetta, uno a Punta Mesco, uno a La Spezia-Palmaria o Bocche di Magra.”