Published On: Ven, Dic 21st, 2012

Approvato il fondo per studenti meritevoli, i consiglieri rinunciano al gettone di presenza

Share This
Tags

borse-di-studioRAPALLO. Venti Euro a testa. E’ quanto devol­ve­ranno i Con­si­glieri comu­nali all’istituendo fondo in favore degli stu­denti meri­te­voli meno abbienti per ogni seduta di Con­si­glio comu­nale e Com­mis­sione consigliare.

Ieri sera è stata infatti appro­vata all’unanimità la mozione pre­sen­tata, in avvio di seduta, da Anto­nella Cer­chi. Sindaco, Consiglieri ed alcuni Asses­sori hanno quindi ver­sato il cosid­detto get­tone di presenza, in con­tanti, nelle mani del Segre­ta­rio Gene­rale Achille Mac­ca­pani che si farà carico di stu­diare la forma più adatta per dar vita al fondo di soli­da­rietà per borse di studio.

“Posso dire che sono molto sod­di­sfatta e che è impor­tante sot­to­li­neare che que­sto è un atto poli­tico di soli­da­rietà da parte dei Con­si­glieri comu­nali — afferma la Con­si­gliere Cer­chi — i poli­tici più a con­tatto con il ter­ri­to­rio, con cui si è voluto  dare fidu­cia ai nostri ragazzi e soprat­tutto dimo­strare  sen­si­bi­lità in un momento così par­ti­co­lare di dif­fii­coltà eco­no­mica che diventa, pur­troppo, dif­fi­coltà sociale”.

L’unico ram­ma­rico, che tut­ta­via non pre­giu­dica i risul­tati dell’impegno corale assunto dal Con­si­glio, riguarda due pic­cole sto­na­ture: la prima ad opera del Con­si­gliere Sal­va­tore Faenza che, pur rite­nendo l’iniziativa lode­vole, ha affer­mato di voler com­piere bene­fi­cenza solo a chi dice lui (salvo poi rav­va­dersi e votare favo­re­vol­mente); la seconda è stata invece l’inaudita replica dell’intervento ini­ziale per sop­pe­rire ai tem­po­ra­nei pro­blemi tec­nici dell’emittente tele­vi­siva. Il fatto che l’esposizione di una pra­tica non sia stata tra­smessa in diretta tv non può costi­tuire una valida giu­sti­fi­ca­zione per stra­vol­gere l’andamento della seduta. Il Con­si­glio comu­nale è un’istituzione e come tale dovrebbe man­te­nere il pro­prio digni­toso ruolo senza farsi sog­gio­gare dal fascino media­tico e tra­sfor­marsi in un occa­sione di avan­spet­ta­colo. Se le tele­ca­mere in aula non doves­sero fun­zio­nare del tutto, si rin­vie­rebbe forse l’intera seduta?

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>