Published On: Lun, Set 16th, 2013

Aprono le scuole, le priorità per Sestri

Oggi al via il primo giorno di scuola, il Sindaco di Sestri Levante Valentina Ghio e l’Assessore alla Pubblica Istruzione Lucia Pinasco hanno scelto di essere presenti in due plessi del Comune per ribadire la volontà di mettere la scuola al centro dell’azione amministrativa, come primo atto intervenendo puntualmente su tutte le migliorie evidenziate come necessarie dalla scuola nei 12 plessi, per garantire una buona funzionalità di tutte le strutture sin dal primo giorno di apertura.
Sono stati impostati con cura i servizi di trasporto scolastico e mensa, prestando la massima attenzione ai prodotti inseriti e garantendo diete speciali per ragioni mediche o religiose. Avviando al più presto l’attività della commissione mensa per far intervenire direttamente personale scolastico e genitori nelle scelte.
La collaborazione prosegue nei progetti che vedono il Comune a fianco della scuola con i laboratori artistico- espressivi, il progetto compro rifiuti e altre attività di educazione ambientale e il calendario di attività collegato al MUSEL, la collaborazione con le società sportive che offrono gratuitamente alla scuola mini corsi in diverse discipline.
La scuola deve essere messa al centro delle politiche amministrative di un Comune al pari di ogni altro settore- sostiene il Sindaco Valentina Ghio- perché’ una buona scuola vuol dire investimento nel futuro”.
Per questa ragione i primi progetti di richiesta finanziamento elaborati dalla nuova amministrazione (e che, se finanziati, prevedono un cospicuo cofinanziamento) riguardano proprio strutture e palestre scolastiche. In particolare abbiamo richiesto finanziamenti regionali o ministeriali per i seguenti interventi:
– finanziamento richiesto al Ministero per le Infrastrutture tramite la Regione Liguria attraverso progetto esecutivo dedicato alla sicurezza nell’edilizia scolastica con il quale si intende sostituire la copertura a tetto e realizzare una riqualificazione energetica della palestra annessa alla Scuola di Via Val di Canepa (240.000 € di cui 40.000 sarebbero di contributo comunale);
– finanziamento richiesto per la Palestra annessa alla scuola di via Lombardia (Ministero dello Sport – impianti sportivi) con progetto preliminare finalizzato al completamento ed al miglioramento della struttura (600.000 €);
– in corso di elaborazione un progetto preliminare per rispondere ad un finanziamento della Regione Liguria finalizzato alla riqualificazione dell’area sportiva esterna della Scuola di Via Val di Canepa (130.000 € di cui 30.000 sarebbero di contributo comunale).
Tutti i progetti sono stati redatti internamente dall’ufficio tecnico comunale.

Scuole medie Sestri

Scuole medie Sestri

Displaying 2 Comments
Have Your Say
  1. Redazione ha detto:

    Gentile “Gatto”, perché non inviare questo testo alla mail dell’assessore responsabile? Probabilmente qualcosa si comincerà a fare, per riparare gli errori progettuali e di esecuzione che Lei segnala. Se così non fosse, lo segnaleremo su questa testata di informazione.

  2. Gatto nero ha detto:

    Si parla tanto delle scuole,ma nessuno è andato a vedere come è esternamente l’ITIS. Marciapiedi (dove c’era una volta l’entrata della scuola) ora inesistente e con tanto di parcheggio davanti. Ogni volta che piove ci vuole una canoa per attraversarlo,reti ed antenne a protezione dell’ex campetto di calcio e della strada,ancora al loro posto,posti per le moto in discesa che con i cavalletti mal messi,si ribaltano,a meno che non si ingombri parte della carreggiata . E’ vero,qualcuno dice che la scuola è della Provincia,ma insiste sul suolo del Comune,che non ci fa una bella figura di fronte a gente ignara della cosa e che viene dai comuni limitrofi. Se non erro,sul cartellone dove si attribuivano i dati sulla costruenda nuova area,con campetto in sintetico annesso,c’era anche il nome di un perito che apparteneva al Comune,o mi sbaglio? Per non parlare della vicina area di parcheggio,ci vanno a rotazione i cani a buttare all’aria tutte le corteccie di pino che sono state messe nelle aiuole per non fare crescere l’erba cattiva,ma che poi cresce lo stesso. Come al solito prima si mettono e dopo non si curano. I Vigili anzichè andare a controllare se le auto hanno o non hanno il bollino,farebbero molto meglio a curarsi di quello che è stato detto. Ora come ora,queste aiuole,sono solo ricettacolo di rumenta. Per bagnarle,se non ci pensa il buon Dio con qualche scroscio di pioggia,nessuno se ne cura. E’ inutile mettere a dimora,tubi e tubicini per l’irrigazione se nessuno li fa funzionare o gli stessi non funzionano. Per non parlare delle pendenze sbagliate (ma chi fa i lavori,o chi è preposto,non se accorge?). Lungo la strada o nelle piste ciclabili,che siano,in caso di pioggia,divengono dei veri e propri pantani. Certo che come biglietto da visita,non c’è male!

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>