Published On: Ven, Feb 17th, 2012

Armando Corsi in acustico all’Ostaja Capocotta

SESTRI LEVANTE. Continuano gli appuntamenti con la grande musica unplugged all’ostaja Capocotta. Dopo il grande successo di Paolo Bonfanti e del suo blues travolgente (v. questo articolo) domenica 19 febbraio sarà la volta di Armando Corsi e della sua raffinata world music. Accompagnato dal maestro Marco Leveratto (insieme in questo scatto di Giulia Spinelli), che con la sua chitarra acustica lo accompagna da circa un decennio, Corsi proporrà una scaletta multietnica e non convenzionale: remake di tango argentino, canzoni in genovese, una tarantella e persino una ninna nanna. “Per me non esistono generi, esistono la musica, le emozioni – spiega il chitarrista – vivo la musica come vita perchè essa è la mia vita”. Nè pop nè sound di nicchia: quello di Corsi è un timbro genuino, multietnico, che attinge alle radici del mondo e alla storia personale dell’artista. In questo periodo Corsi sta portando in giro per l’italia diversi progetti, come il suo disco Alma, ispirato al fado portoghese; Tre, nato dall’incontro con la cantautrice Maria Pierantoni in arte Giua; la produzione di Baccini canta Tenco nei teatri e Volver, spettacolo che vede protagonisti inseime a lui Leveratto e il narratore Luca Poli. In passato il chitarrista ha collaborato con molti grandi della musica italiana e internazionale, come Paco de Lucia, Samuele Bersani, Anna Oxa e Ivano Fossati.

All’Ostaja Capocotta oltre che ascoltare buona musica live si può anche bere e mangiare immersi nell’atmosfera di uno dei locali più antichi di Sestri Levante, un tempo fumoso ricovero di marinai tra pirroni di vino, gare di carte e racconti di tempeste e naufragi. Per informazioni e prenotazioni tel. 3356686517. Per il calendario completo degli appuntamenti, ideato in collaborazione con il negozio di strumenti musicali Fat Jack Music Store cliccare qui.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>