Published On: Mer, Dic 28th, 2016

Arresti tra Genova e Castiglione per detenzione di fuochi e botti illegali

In vista dei botti di Capodanno, i carabinieri di Chiavari e Sestri levante, in collaborazione con gli artificieri del comando Carabinieri di Genova, hanno arrestato tre persone per detenzione di materiale esplosivo illegale. Si tratta di quasi 100 chilogrammi di materiale esplosivo, tra cui 61 ordigni “cipolle a mano” e “bombe da mortaio”, molto pericolose, e 290 scatole di fuochi artificiali anche questi illegali.
Un mese fa a Chiavari erano state arrestate altre due persone con 36 kg. di materiale pirotecnico. Nelle scorse ore sono stati bloccati zio e nipote originari di Caserta (zona di produzione del materiale illegale), già pregiudicati e residenti a Genova, che stavano procedendo alla consegna degli esplosivi a un altro genovese. Si trovano tutti nel carcere di Marassi.
Nel frattempo si è proceduto a diverse perquisizioni in nascondigli tra Genova e Castiglione Chiavarese, in val Petronio, dov’era nascosta la merce illegale e pericolosa.