Published On: Sab, Gen 21st, 2017

ASL4: RSA di Chiavari, addio a 24 posti letto. Trasferimento a Sestri in vista

Il secondo piano della Rsa (Residenza Sanitaria Assistenziale) di Chiavari, con 24 posti letto, chiuderà entro il 20 febbraio 2017. Si tratta di una struttura particolarmente delicata e importante, perché gestisce malati molto gravi.

Anche se i sindacati dell’Asl4 dovevano essere avvisati, in caso di chiusura di un reparto, non è arrivata -secondo il Sindacato dibase nessuna preventiva comunicazione ufficiale.

Rimarranno per ora operativi il terzo e quarto piano (24 posti letto ciascuno) che, a loro volta, sarebbero destinati ad essere trasferiti nella struttura di Sestri Levante.

In futuro i locali al secondo piano potrebbero essere occupati dal polo di riabilitazione delle Gianelline, finora ospitato in C.so Colombo, e dalla struttura Cordeviola.

Una parte dei posti letto persi dovrebbe essere assorbita dall’Istituto Devoto di Lavagna.

Il sindacato Usb Sanità Tigullio USB “…In ogni caso ha chiesto a tutte le altre sigle sindacali e alla Direzione di convocare urgentemente un incontro con i lavoratori per spiegare le modalita’ della riorganizzazione e sopratutto sulla ricollocazione dei colleghi che risulteranno in esubero, dato che per 12 di loro (6 infermieri e 6 operatori socio sanitari) si prospetta il trasferimento in altri reparti dell’Azienda, che come sappiamo risultano in grave sofferenza di personale.
…La chiusura del reparto in questione risulta una scelta pessima dal punto di vista sanitario, che comportera’ disagi e disservizi per l’utenza e che di fatto smantella e depotenzia una struttura di pregio dell’ Asl4.

Al secondo piano, che risultava un reparto di “mantenimento”, venivano infatti trasferiti pazienti stabilizzati dal terzo e quarto piano liberando posti a sua volta per ricoverati provenienti dal pronto soccorso o da altri reparti.
Risultava inoltre un ricovero di mantenimento e di riabilitazione per tanti anziani del Tigullio che perdono cosi’ posti letto e che l’Istituto Devoto (fra l’altro non e’ una Rsa ma una residenza
protetta) potra’ colmare solo in parte...”