Published On: Sab, Mag 17th, 2014

Assegnato l’incarico per la revisione del Puc

comune di Sestri LevanteSESTRI LEVANTE. Il 15 maggio scorso la Commissione giudicatrice (presieduta dal responsabile del procedimento arch. Luisa Stefani e formata dall’arch. Riccardo Bedrone professore presso il Politecnico di Torino e dall’arch. Daniele Virgilio funzionario del comune di La Spezia) ha completato i propri lavori con la seduta pubblica di apertura delle offerte economiche, ufficializzando così l’aggiudicazione provvisoria del Raggruppamento di professionisti che si occuperà del lavoro di revisione del Piano Urbanistico Comunale. Il gruppo di lavoro e’ formato da: arch. Roberto Vezzosi di Prato, architetto e urbanista, membro effettivo dell’Istituto nazionale di Urbanistica e già presidente dell’Ordine degli Architetti di Prato, con vasta esperienza di pianificazione e consulenza per la pubblica amministrazione, indicato come capogruppo; dott. geologo Francesco Paolo Nicoletti , in qualità di Procuratore speciale di Ambiente Italia S.r.l. con sede a Milano, gruppo che opera a livello europeo nella ricerca, consulenza e progettazione per la sostenibilità; arch. Giovanni Ruffini di Firenze, in qualità di legale rappresentante di MHC-Progetto Territorio Soc. coop. con sede a Firenze, Società iscritta all’elenco delle start up innovative Spinn off accademico dell’Università degli studi di Firenze, che dal 2012 svolge attività di ricerca e consulenza e pianificazione per pubbliche amministrazioni e università con particolare riguardo all’attivazione e gestione di processi partecipativi.

Valentina GhioIl percorso di revisione generale del PUC è stato avviato con la Delibera di Consiglio Comunale n. 80 del 2013, la quale ha definito gli obiettivi della variante e del percorso: a seguito di questi è stata costituita l’Unità di progetto “Revisione PUC” e ne sono stati definiti i compiti. Questo ha consentito la pubblicazione di un Avviso per formare di un elenco di professionisti idonei. I candidati sono stati invitati a presentare entro il 31 marzo la propria offerta, articolata in una proposta tecnica e in un’offerta economica al ribasso. Per garantire la migliore qualità nella scelta dell’incaricato, si è scelto il criterio di aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa, attribuendo la parte preponderante del punteggio all’offerta tecnica (90%) rispetto a quella relativa al prezzo (10%) ed introducendo uno sbarramento per le offerte tecniche che non avevano raggiunto un punteggio minimo. L’analisi della Commissione sulle offerte tecniche ha consentito di individuare 5 proposte che rispondevano alle caratteristiche richieste. Le prestazioni e le modalità di conduzione dell’incarico richieste erano molto articolate e specialistiche (dalla progettazione e gestione del processo partecipativo, alla redazione di documenti di pianificazione, alla redazione di studi di natura ambientale): è stato premiato il raggruppamento che ha dimostrato di eccellere, come competenza ed esperienze, in tutti questi settori, avendo peraltro correttamente inquadrato le tematiche da affrontare. La proposta e’ infatti riuscita a declinare gli argomenti e le tematiche enunciati negli atti di indirizzo del Consiglio Comunale, agganciandoli a metodi più innovativi per la loro trattazione. “Mi sembra un buon risultato – commenta il sindaco Valentina Ghio – passo concreto per proseguire il percorso avviato. A breve il raggruppamento incaricato avvierà il lavoro integrandosi con l’Ufficio di Piano Comunale, responsabile della redazione della variante, avviando in prima battuta il percorso di partecipazione con la cittadinanza”.

Displaying 6 Comments
Have Your Say
  1. Giuppino ha detto:

    X Rino

    Hai sicuramente ragione.
    La mia richiesta era sopratutto per questi giornalisti che lavorano sotto dettato e che ci tengono particolarmente alla dicitura “sindaca”, riferito alla massima autorità comunale, ma se ne guardano bene di approfondire certe argomentazioni.

  2. Rino ha detto:

    Si fa il PUC per costruire ancora ed il territorio ne soffre. Frane,smottamenti,collassi del terreno,grazie per quello che andrete a fare e speriamo che la magistratura, che sonnecchia su questi marasma,si svegli almeno per un momento ed agisca come per Sara che perse la vita a Ventotene. Per questo caro Giuppino non saprai mai,da loro,quello che costano questi scienziati. Non hai capito ancora che siamo sudditi! Non ci sono soldi,dicono. Ma per le loro feste e festicciole,per le inaugurazioni o quello che hanno in mente,utile o dannoso che sia,sopratutto per i cittadini, li trovano sempre. Per questo non puoi fidarti di loro. Pensano ad altro!

  3. Giuppino ha detto:

    Insomma non è dato sapere cosa ci costano i professoroni!!!

  4. Giuppino ha detto:

    Aspetterei prima di dire che son migliori o peggiori…..

    La domanda x la redazione è un’altra……5 dirigenti in comune pseudo giuristi,architetti ed ingegneri e dobbiamo andare di consulenza esterna???

    Eh così Siamo bravi tutti……

    P.s. Ma la redazione non ci sente!!

  5. alfy ha detto:

    SEMPRE MEGLIO CHE DARE GLI INCARICHI AGLI PSEUDO PROFESSORONI DEL LUOGO … VEDI ULTIMO PUC SI SESTRI!!!

  6. Giuppino ha detto:

    X redazione

    Voi che sentite la sindaca perchè non gli chiedete quanto costeranno i professoroni??

    I 5 dirigenti comunali di cui uno è anche segretario e l altro vice i cui stipendi hanno una media di 90000 euro annui a salire più premi produzione per qualcuno, per quale motivo li paghiamo se poi dobbiamo affidarci a consulenti esterni??

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>