Published On: Gio, Set 3rd, 2015

Assicurazione auto: le cinque novità del 2015

Sicurezza stradale e lotta alle frodi assicurative alla base dei nuovi provvedimenti per l’assicurazione auto

L’assicurazione auto continua ad essere al centro degli interventi messi in atto dal Governo. Il bisogno di aumentare il livello di sicurezza delle strade e fermare il preoccupante fenomeno delle frodi ai danni delle compagnie assicurative sono le basi di partenza di tutti i provvedimenti. A far scattare l’allarme sono stati gli oltre 4 milioni di veicoli senza assicurazione auto in circolazione, un vero fenomeno di massa che coinvolge l’intero Paese con una particolare incidenza soprattutto al Sud Italia.

Al rientro dalle vacanze gli automobilisti italiani dovranno quindi fare i conti con le tante novità introdotte dal ddl concorrenza 2015 in materia assicurazioni auto. In realtà qualche piccolo cambiamento era stato attuato già prima della pausa estiva con la creazione di nuovi sistemi di controllo per il traffico e la velocità e il progressivo avanzamento dei dispositivi tecnologici e telematici al posto dei vecchi archivi e documenti in formato cartaceo.

Assicurazione auto: ecco cosa cambierà per gli automobilisti

Vediamo nello specifico quali sono le novità a cui gli automobilisti dovranno subito adeguarsi.

  1. Attestato di rischio. Il documento in cui sono riportate tutte le informazioni relative al conteggio dei sinistri causati negli ultimi anni e i dati relativi alla classe bonus malus saranno sostituiti da un unico database gestito direttamente dall’Ania, l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici. Già nei mesi precedenti tutte le imprese assicuratrici erano state invitate a dotarsi degli appositi dispositivi telematici, un processo lungo e faticoso che ha però consentito di inaugurare lo scorso 1° luglio il nuovo Archivio Integrato Antifrode (AIA).
  2. Contrassegno. Il vecchio talloncino giallo da esporre in bella vista sul veicolo verrà anche in questo caso sostituito da un archivio telematico, gestito direttamente dal Ministero dei Trasporti. Per verificare la propria situazione assicurativa bisognerà semplicemente accedere alle sezione del sito e inserire la targa del proprio veicolo.
  3. Modulo di constatazione amichevole. Anche in questo caso la tecnologia darà un importante contributo. L’Euresa, l’associazione delle imprese europee di mutua assicurazione e corporative, ha recentemente autorizzato anche in Italia l’utilizzo di un’app per smartphone che promette di snellire tutto il processo di compilazione dei dati. La nuova app dovrebbe arrivare sul mercato italiano già nei prossimi mesi.
  4. Scatola nera. La loro installazione era stata già annunciata da tempo, ma per garantire una maggiore diffusione molte compagnie hanno deciso di proporre agli automobilisti interessati delle agevolazioni sui costi delle polizze. Gli sconti praticati in questi casi si aggirano su una media del 10%.
  5. Dash-camera. Considerate una sorta di evoluzione delle scatole nere, questi dispositivi satellitari consentiranno di registrare tutto quello che accade attorno al veicolo, riportando in caso di incidente tutte le informazioni relative alla posizione, velocità, orario e perfino audio. Le dash-camera potrebbero diventare il mezzo più efficace per risolvere il problema delle truffe alle assicurazioni, fornendo le prove per risolvere le situazioni dubbie. Una grande innovazione, utile anche per difendere i diritti degli assicurati e la sicurezza delle strade.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>