Published On: Mar, Set 23rd, 2014

Aumentano i turisti russi nel Tigullio nell’anno del turismo Italia Russia

E’ interessante il trend positivo del turismo russo in Liguria e nel Tigullio, quest’anno. I russi intanto si sono spostati anche nel Tigullio centrale (Chiavari-Lavagna) e orientale (Sestri Levante e Moneglia-Deiva). Sono arrivati turisti non appartenenti agli “oligarchi” carichi di denaro ma anche di capricci e supponenza.

Ciò è dovuto anche al lavoro di promozione svolto dalla Regione Liguria attraverso l’assessore Angelo Berlangieri, che ha attivato un volo diretto Genova-Mosca e si è recato in Russia per sviluppare i rapporti con le agenzie turistiche locali.
Attività che quest’anno ha trovato una sponda nazionale con l’anno del turismo Italia- Russia, che terminerà nel 2015 in coincidenza con Expo 2015. Molte e belle le mostre che arrichiscono l’iniziativa, come quella di Venezia sulle architetture di Palladio e la Russia.

Nel Tigullio l’aumento è stato visibile e ha confermato le intuizioni che Tigullio News e l’assessorato al Turismo di Regione Liguria hanno avuto, realizzando a costo di grandi sacrifici e fatica il prodotto Tigullio Today, destinato agli ospiti degli hotel del Tigullio, in lingua italiana, inglese e russa. Un servizio di informazione sugli eventi, su cosa vedere e fare nel Tigullio che ha successo.
Si noti che il notevole incremento è avvenuto nonostante l’incresciosa crisi dell’Ucraina abbia minato l’interscambio commerciale e turistico tra UE e Mosca, con sanzioni, ritorsioni, una guerra civile in corso etc etc.
E’ quindi da prevedersi un ulteriore e notevole incremento quando la crisi finirà (come tutti speriamo, non solo per ragioni di mero guadagno).

Secondo Franco Orio, presidente del Consorzio Portofino Coast: “Il turismo Russo negli ultimi anni ha registrato anche nel nostro comprensorio incrementi di crescita sostenuti. Lo scorso hanno l’aumento nel Tigullio è stato quasi del 39% con un potenziale ancora molto alto anche in segmenti turistici diversi da quelli tradizionali , come per esempio il turismo degli incentive, degli eventi e dei matrimoni.”. Orio ne ha parlato nel corso di una trasmissione di Radio Aldebaran. L’anno scorso i visti rilasciati sono cresciuti del 5%, ma il trend dal 2009 a oggi è di oltre il 300%.
I russi conoscono la Liguria e la Costa Azzurra dai tempi della macroepidemia di tubercolosi, che colpì duramente tutta l’Europa a partire dalla seconda metà dell’Ottocento. La cura principale che si offriva era “cambiare aria” recandosi in Riviera o in montagna. Per i russi c’era la Crimea, ma per i più ricchi c’erano Montecarlo e Sanremo. Ma passò anche Lenin dalla Liguria, e -dopo la rivoluzione comunista del 1917- arrivò nelle Riviere un’ampia ondata di esuli. Così che a Rapallo vi è una comunità ortodossa, a Sanremo la chiesa ortodossa di Cristo Salvatore, a Genova una comunità di rito ellenico-ortodosso…

Chiesa di Cristo Salvatore, Sanremo

Chiesa di Cristo Salvatore, Sanremo

Chiesa ortodossa di Sanremo

Chiesa ortodossa di Sanremo

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>