Published On: Mar, Set 17th, 2013

Autobus ATP: sciopero selvaggio e direzione sbagliata

Sciopero selvaggio anche nelle fasce di garanzia, questa mattina. Al solito, le famiglie si sono dovute arrangiare da sé, accompagnando i figli a scuola o in stazione ferroviaria.
Aggredito anche l’assessore Vesco a Genova, che è rientrato nel Palazzo della Regione contorniato da urla, spinte e bottigliette (d’acqua per fortuna, e lanciate in aria).

Ogni commento è superfluo: lavoratori e sindacati sbagliano a scaricare il problema sulle spalle dei cittadini (sia come cittadini-utenti sia come cittadini che pagano le tasse). Non si devono chiedere euro ai cittadini per finanziare un’azienda che accumula solo passivi. La situazione può solo peggiorare. Si devono chiedere finanziamenti per realizzare una nuova azienda, più sana ed efficiente del carrozzone pubblico finora esistente. Ma chi avrà il coraggio di dire la verità?
Chi dirà ai lavoratori che la strada giusta per salvaguardare il proprio stipendio e il futuro è il riformismo selvaggio e non lo sciopero selvaggio?
Forse la Finanziaria della Regione Liguria FILSE  garantirà un prestito ad ATP. Sarebbe l’ennesimo e, naturalmente, da restituire a “babbo morto”. Denaro dei cittadini.

atp trasporti provinciali

Displaying 2 Comments
Have Your Say
  1. Redazione ha detto:

    Gentile Roberto, il succo della questione è tutto lì: il servizio privato funzionava, occupava personale più di ora, ben pagato. I clienti (i cittadini) non solo pagavano molto poco il servizio (esteso anche nei paesini) ma non pagavano due volte (la prima per il biglietto o l’abbonamento, e la seconda col prelievo fiscale per ripianare i debiti di ATP). Purtroppo gli italiani troppo spesso bevono l’informazione sbagliata e partono nella direzione sbagliata… Questi sistemi (oltre alla speculazione della UE, la Germania etc.) hanno mandato a fondo l’economia greca… e non solo. Sarebbe bene che le amministrazioni pubbliche facessero un passo indietro, restituendo le attività produttive ai loro cittadini (e non agli amici degli amici). Sarebbe una scelta utile e positiva per le stesse amministrazioni pubbliche.

  2. Roberto ha detto:

    Alla fine degli anni 70, Le forze politiche di sinistra, Comunisti e Socialisti, tolsero ai privati (Spagnoli e Fiumana Bella) le concessioni per il trasporto pubblico. Poiché a loro dire si arricchivano alle spalle dei Cittadini. Formarono così una Società Pubblica di trasporto che da allora ad oggi , oltre ad aver sistemato gli amici degli amici, ha succhiato miliardi alle pubbliche amministrazioni (denari dei cittadini) aumentato sistematicamente il costo dei servizi ed accumulato un mare di debiti.
    Riflettete, il privato si arricchiva !!!!???

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>