Published On: Lun, Dic 23rd, 2013

Babbo Natale? Esiste, anzi è indispensabile

Babbo Natale deve esistere. Come deve esistere la fantasia, la fede in qualcosa o qualcuno o Qualcuno. Come esistono i sogni.

La società attuale, modellata sulla ipervisibilità, la superficie, ciò che si vede, ha perso di vista ciò che non si vede: sogni, sentimenti, valori.
Per giunta si sta decerebralizzando, grazie a un uso eccessivo di internet e dell’immagine elettronica, del gioco elettronico. Camminare vale di più. Immaginare si può, solo se si è “staccati” dalla “connessione universale”. Pensare si può, se si è staccati da chi ti fa vedere ciò che invece deve andare a formare un’immagine mentale dentro di te: la cellula base del ragionamento, della sensibilità, dell’intelligenza. Uscire dalle immagini autoesplicanti significa rendere più intelligenti i bambini. Come fanno i libri e non fanno le immagini elettroniche. Come fa il pensiero che si racconta. Come fa Babbo Natale. Chi dice che non esiste uccide metà dell’universo.

Il Natale secondo Giovanna Rezzoagli Ganci

Questo giornale è, probabilmente, letto da un pubblico composto in prevalenza da Persone adulte. Persone adulte che, in quanto tali, hanno le idee chiare circa l’esistenza di Babbo Natale. I bimbi di ogni dove, hanno il loro Babbo Natale, che ogni anno, per festeggiare il compleanno del Bambino Gesù, porta loro i regali più belli e desiderati. Si, cari Lettori, so di aver scritto un pensiero surreale, mescolando sacro e profano. Tutti bimbi di questo mondo avrebbero tutti, nessuno escluso, il diritto di avere il loro Babbo Natale in cui credere, ma ben pochi in realtà hanno di che sperare. A Natale si festeggia il compleanno di un bimbo povero, nato povero. Duemiladieci anni dovrebbero aver portato quella parte di umanità, che si reputa testimone di quel messaggio reso immortale nell’esempio di vita del Cristo, a trasformare il diritto di esistere in realtà condivisa universalmente. Sappiamo fin troppo bene tutti che il nostro mondo non ha spazio per i piccoli, tantomeno per i loro sogni. Almeno a Natale, per onorare chi nacque al freddo e al gelo e che certamente ha dato la vita per un mondo migliore, dobbiamo ad ogni costo credere che esista un Babbo Natale per ogni piccino. Credenti, non credenti, diversamente credenti, tutti siamo avvolti da quella che qualcuno ancora si ostina a chiamare “atmosfera natalizia”, nonostante il Natale sia anche una festa triste e dolorosa. Per chi non ha famiglia, per chi ha appena perso un affetto, per chi vive o convive con la malattia, per tutti quelli che soffrono, Natale può essere un periodo davvero complesso. Ma per i bimbi, no, tutto questo non dovrebbe valere. Un ruolo fondamentale lo abbiamo noi adulti, sognatori o cinici che si sia. Babbo Natale deve esistere a tutti i costi. Deve esistere un magico luogo nella fredda Lapponia dove si leggono ancora le speranze ed i desideri di chi ha tutti i diritti di avere ancora sogni e desideri. Deve esistere una notte fatta di magia, in cui ciascuno di noi ha il dovere se non di essere, almeno di fingersi, più “buono”. Deve, a tutti i costi, esistere Babbo Natale che porta i doni ai piccoli per festeggiare la nascita di un piccolo che, alla sua epoca, era un “diverso”. Sognare, non fa male agli adulti, è vitale per i piccoli. Vitale. Ci penserà poi la vita a dimensionare il senso della realtà. Ma poi, se per una volta l’anno, ciascuno di noi si sforza di essere autenticamente migliore, siamo poi proprio sicuri che Babbo Natale non esista?

Giovanna Rezzoagli Ganci

babbo-natale-1

Displaying 3 Comments
Have Your Say
  1. Italo Fotati ha detto:

    (BABBO NATALE)In realta SAN NIKOLAUS (Mar.270- Dic. 343) era un vescovo in Grecia (in MYRA)in qui oggi fa parte alla Turchia… Tanti miracoli furono atribuiti a SAN NIKOLAUS… Aveva una reputazione per lasciare, segretemente,monete nelle scarpe di quelli che le lasciavano fuori per lui… Con questo, nell’epoca moderna ,era venuto riconosciuto (dai nordici)come SANTA CLAUS,anche come SAN NICOLA DI BARI… I suoi resti erano portati a Bari nella , BSILICA DI SAN NICOLA DI BARI… Molti dei suoi resti,poi, erano portati a Venezia nella chiesa di,SAN NICOLO LIDO per il timore che i Musulmani distrugessero i suoi resti…BABBO NATALE, in realta esiste, ed e il nostro santo che segretemente aiutava quelli che avevano tanto bisogno… Questa e’ L’INSPIRAZIONE che SAN NICOLO lascia a noi oggi,che anche noi nel SPIRITO DI DIO possiamo avere un mondo migliore a servire e amare…

  2. Eleonora ha detto:

    Questo articolo e’ estremamente profondo. Coglie l’essenza cheve’ andata perduta. L’ acuta intelligenza e sensibilità di chi scrive sia da monito per tutti. Auguri preziosa Signora.

  3. Giovanna ha detto:

    Grazie gentile Redazione. Buon Natale a voi e a tutti i lettori. Con la speranza che esista un Babbo Natale per ciascuno di noi…

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>