Published On: Ven, Feb 1st, 2013

Barbetta si dimette dalla Commissione elettorale e dice stop alle logiche clientelari

glio_Comunale_sanita-PICT0110-300x225RAPALLO. Piazza delle Nazioni trema ancora una volta e l’epicentro è sempre  Gloria Barbetta. Dopo aver abbandonato i banchi della maggioranza infastidita dall’inoperosità sociale dell’Amministrazione ed aver voltato le spalle al partito  Italia dei Valori (tra le cui fila era stata eletta lo scorso 7 maggio) per costituire gruppo misto in Consiglio Comunale, ora è la volta della Commissione elettorale di in cui era stata nominata insieme al Sindaco Giorgio Costa ed ai Consiglieri Carlo Amoretti, Carlo Bagnasco e Roberto Spelta.

A mandare Barbetta su tutte le furie sono state le metodologie con cui ieri si è voluto procedere alla nomina dei 150 scrutatori per le imminenti elezioni politiche del 24 e 25 febbraio prossimi.

Nel corso della riunione di Commissione elettorale – scrive il Consigliere nella lettera di dimissioni indirizzata al Sindaco Giorgio Costa – non ho condiviso il fatto che alcuni membri della commissione avevano già un listino pronto di nomi per gli scrutatori e che non è stato scelto il criterio del sorteggio che io ho proposto che avrebbe dato la possibilità di partecipare a tutti i cittadini di Rapallo aventi diritto e iscritti nell’elenco degli scrutatori”.

Quello di Barbetta vuole rappresentare un secco no alle consolidate prassi di politica clientelare in virtù di una scelta democratica tra gli oltre mille rapallesi iscritti all’apposito elenco comunale, ma l’Amministrazione Costa difende il suo operato: “non c’è stato alcun comportamento anomalo. Si tratta di una prassi abituale, come confermatoci dalla Prefettura, che garantisce il giusto mix tra affidabilità ed esperienza”.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>