Published On: Lun, Dic 16th, 2013

Basta tasse! Protesta contro la Tares a Lavagna e Rapallo

Proteste di artigiani, cittadini, commercianti a Rapallo e a Lavagna contro la Tares.
ULTIMA ORA: La Tares a Rapallo non sarà applicata fino a febbraio. Per ora vale la vecchia Tarsu (vedi nostro articolo).
Questa mattina sono ancora riuniti nella Sala del Consiglio Comunale: “Ci staremo ad oltranza in attesa di risposta da parte del Presidente dell’ ANCI, il dottor Vinai, se é possibile ritornare alla TARSU come hanno fatto altri comuni“.

Venerdi scorso il Comitato cittadini aveva annunciato “…Noi non rappresentiamo solo il numero della nostra Partita Iva, ma siamo persone, cittadini, confermiamo che lunedì 16 alle ore 08.00 ci ritroveremo in Piazza delle Nazioni per la manifestazione, regolarmente autorizzata, annunciata giovedì scorso. Aspettiamo che si uniscano a noi tutti quei cittadini, anche di Santa Margherita, Portofino e Zoagli, che sono stanchi di dover pagare imposte decise dall’alto, senza consultarci prima.”
Questa mattina a Rapallo c’erano il sindaco Costa e anche il sindaco di Santa Margherita De Marchi. Il presidio in piazza delle Nazioni ha bloccato l’agenda dei sindaci del Tigullio, che si dovevano vedere per discutere sulla disastrosa ATP Tigullio, in sciopero anche oggi, ma senza nessuna volontà o capacità di uscire dal pantano, se non continuare a chiedere nuovi soldi pubblici per tenere in vita un’azienda morta.

Proteste anche a Lavagna, dove una cinquantina di esercenti è entrata nel Palazzo comunale per protestare contro la tassa-mostro, aumentata di 2 e anche 3 volte in un momento in cui non ci sono più soldi per il pane…

La scadenza a Lavagna è spostata al 16 gennaio e al 31 gennaio (per la parte relativa al Comune). Sarà possibile rateizzare il pagamento.
Ma rateizzare una condanna a morte è possibile?

Italia & tasse & burocrazia

Arriva la Casa stampata in 3D, poco costosa e costruita in 24 ore

Fantastica idea. Ma in Italia cosa succederebbe? Burocrazia infernale, per rendere impossibile le nuove costruzioni. E -ovviamente- le tasseranno subito, così da allontanare la possibilità di provarle. Ci vorrebbe una stampante 3D per realizzare burocrati e Grand Commis di Stato di tipo nuovo. Questi che ci ritroviamo sono alieni discesi dagli UFO che mangiano a ufo.

Casa stampata in 3D

Casa stampata in 3D

Legge di stabilità arriva la tassa sugli Smarthphone voluta da Gino Paoli (Siae)

…Così andremo tutti a comprarceli in Francia… o in Svizzera o a Timbuctù. Idiotariani!

Gli aumenti su smartphones, smart tv, hard disk, laptop, tablet  etc. potrebbero arrivare fino a far pagare agli utenti il 500% di più su tablet e smart Tv. Link.

Displaying 2 Comments
Have Your Say
  1. ALDO ha detto:

    VIVA GRILLO…

  2. Italo Fotati ha detto:

    BASTA ORMAI. L’ITALIA E’ ALLO SBANDO. CE ANCHE PERICOLO DI RIVOLUZIONE.SE NON VOGLIAMO UNA RIVOLUZIONE L’UNICA COSA CHE E’ RIMASTO E’ IL MOVIMENTO 5 STELLE… PRIMA BISOGNA COMINCIARE A ROMA E MANDARE A CASA TUTTI QUEI BASTARDI DI LADRI ( ….) CHE SONO IN PARLAMENTO… A TUTTI VOI CHE AVETE UN COMTUTER: ANDATE SU ,”YOU TUBE”, E SCRIVETE,” 9 MESI A 5 STELLE” E VEDRETE CHE l’UNICO FUTURO IN ITALIA E CON LORO, E PIAN PIANO POTRA CAMBIARE PER IL MEGLIO…

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>