Published On: Ven, Apr 5th, 2019

Boom per il mercato di auto usate in Liguria

Il 2018 ha fatto segnare un vero e proprio boom delle auto usate in Liguria, ben al di sopra della media nazionale. Se infatti in Italia la crescita dei passaggi di proprietà è stato poco al di sopra del 5%, nella nostra regione si è registrato un aumento del 7,6%. Ma quali sono le ragioni per cui c’è un vero e proprio boom dell’usato?  Da una parte indubbiamente le difficoltà economiche di una parte della popolazione, dall’altra però Internet consente di effettuare la compravendita in modo molto rapido e semplice quasi sempre senza bisogno di un intermediario. E sempre la rete consente di acquistare a prezzi molto più vantaggiosi come su il sito autoparti.it tutti i ricambi necessari per la manutenzione, a volte senza neppure l’assistenza di un meccanico.

Andiamo dunque a conoscere più da vicino le caratteristiche di questo mercato a livello regionale. In totale i passaggi di proprietà d’auto in Liguria nel corso del primo semestre del 2018 (i dati più aggiornati attualmente) sono stati 36.654, collocando così la nostra regione in tredicesima posizione nazionale, senza alcuna ponderazione per quanto riguarda il numero di abitanti. Se infatti analizziamo il dato da questo punto di vista, nonostante l’aumento da record, la Liguria è ultima in graduatoria con 274,4 passaggi di proprietà ogni 10.000 abitanti. Indubbiamente su questo dato gioca un’età media della regione decisamente più alta rispetto alla stragrande maggioranza  della altre.  Il prezzo medio di una auto usata venduta in Liguria è di 10.940 euro mentre l’età media dei veicoli è di 8 anni.

Andiamo anche ad analizzare i dati di Genova: nel capoluogo di regione invece il prezzo medio è stato di 11.095 euro (quindi leggermente più elevato) mentre diminuisce il numero medio dei passaggi che scende a 258 ogni diecimila abitanti. Numeri comunque piuttosto vicini a quelli regionali esposti  nel paragrafo precedente.

Il mercato dell’auto usata è così tanto cresciuto negli ultimi tempi tanto che si è venuta a creare una nicchia che sta conoscendo una crescita importante: quello delle auto ultraventennali, macchina non certo all’altezza delle evoluzioni tecnologiche ma che spesso in una famiglia svolgono la funzione di mezzo di servizio. Immaginate tutte quelle situazioni in cui un’auto si può sporcare o rovinare per i più svariati motivi. Ecco che la “vecchietta” del garage può essere molto utile per evitare al mezzo principale di subire qualsiasi tipo di danno.

In questo mercato a dettare legge non può che essere la “regina” Fiat Panda originale, quella degli anni ’80 con lo strano cortocircuito temporale di trovare il modello più recente al top anche delle vendite delle auto usate in generale ed anche di quelle nuove.

Un mercato dell’auto dunque sempre più particolare e variegato dunque. Se infatti da una parte è alle porte una vera e propria rivoluzione legata alla diffusione dell’elettrico (e qui in Italia siamo decisamente in ritardo rispetto a molti altri paesi in Europa, soprattutto per quanto riguarda le infrastrutture), dall’alto ci si volge anche indietro ad un passato più che prossimo.