Published On: Ven, Mag 31st, 2013

Brigati detta le regole: 4 condizioni per salvare la maggioranza.

Share This
Tags

Pier Giorgio BrigatiRAPALLO. E’ il politico rapallese più corteggiato del momento dopo il salvataggio, lunedì scorso in Consiglio comunale, offerto all’Amministrazione. Voci insistenti darebbero per imminente un mini rimpasto di Giunta per garantirsi il sostegno definitivo del capogruppo di “Un’altra Rapallo”. Stiamo parlando di Pier Giorgio Brigati che, unico delle opposizioni a rimanere in aula, con la sua presenza in aula ha salvato la maggioranza dalla mancanza di numero legale consentendo all’Amministrazione di approvare i regolamenti relativi a Tares e Imu. “Sindaco e maggioranza sono all’ultima spiaggia” afferma telefonicamente negando l’esistenza di trattative, ma al contempo rinvigorisce le voci di corridoio ponendo alcune condizioni.

“Come dichiarato in Consiglio comunale, la mia permanenza che ha garantito il numero legale è stata dettata esclusivamente dal ribadire la totale autonomia di “Un’Altra Rapallo”, non disposta a farsi strumento di giochetti che vanno avanti da un anno. Un nostro possibile coinvolgimento nella maggioranza non avverrà mai con inciuci o manovre sotto banco ed è legato a queste condizioni

1) Chiarimento interno a tutta la maggioranza

2) Allargamento, se possibile, ad altre forze disponibili

3) Inserimento di nuove figure, non esclusivamente riconducibili alla nostra coalizione (non ho mai fatto nomi) con riconosciute qualità professionali

4) Cambio di marcia nel realizzare le cose e punti del nostro programma da inserire come priorità da raggiungere in tempi certi

Siccome questo difficilmente sarà nelle possibilità del sindaco, non si farà nulla e anche questa volta tutto rientrerà e i giochetti continueranno sulla pelle della città”.

Displaying 1 Comments
Have Your Say
  1. Pietro Olmo ha detto:

    Spero solo si faccia una volta tanto il bene della città, di tutta la città.
    Cordiali saluti P.O.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>