Published On: Mer, Feb 1st, 2017

Buzzi si dimette: Mazzarello lo sostituirà in Consiglio

È durata un battito di ciglia l’avventura del gruppo consiliare aderente a “Direzione Italia” – nuovo partito dell’area fittiana – cui il consigliere comunale rapallese Paolo Buzzi, membro della maggioranza a sostegno della giunta guidata da Carlo Bagnasco, aveva dato vita appena due giorni fa inaugurando un’inedita alleanza con Elisabetta Ricci e Armando Ezio Capurro, esponenti dell’opposizione. È di stamane la notizia che Buzzi ha presentato al Consiglio le proprie dimissioni.

A poco sembrano essere servite le sue rassicurazioni, con le quali aveva dichiarato di essere comunque intenzionato a mantenere il proprio posto in maggioranza in conformità col vincolo di mandato e indicando nella costituzione del gruppo una semplice «scelta politica». Il gruppo “Popolari per Rapallo”, nella cui lista Buzzi aveva conquistato il seggio, si è immediatamente espressa pretendendo le dimissioni del consigliere: «La scelta manifestata pubblicamente di aderire a tale partito la riteniamo inopportuna nell’interesse della città e della relativa maggioranza che ha operato ed opera a tutt’oggi in maniera brillante dando risposte positive ai concittadini», si legge nella nota diffusa dal segretario Renato Mileto.

Popolari per Rapallo manterrà quindi il proprio posto in Consiglio, conformemente col risultato delle scorse elezioni comunali; a sostituire Buzzi come loro rappresentante arriverà Alessandro Mazzarello, di professione responsabile tecnico per l’installazione di ponti radio, originario della frazione di Sant’Andrea di Foggia. Pacata la reazione del sindaco Bagnasco, il quale – “imboccato” dall’intervistatore di Levante News, che evidentemente ben sa cosa solletica il primo cittadino – non ha voluto però farsi sfuggire l’occasione di una stoccata all’indirizzo di Capurro, che «ringrazia» per aver prima «fatto cadere la giunta Costa, consentendomi di fare il sindaco», e ora, con l’abbandono di Buzzi, per avergli dato l’opportunità di «ringiovanire la maggioranza» grazie all’ingresso di Mazzarello, più giovane del sindaco di circa un anno e «persona molto attiva che darà certamente un contributo importante al Consiglio comunale e alla maggioranza».

Per la giunta è certamente una vittoria insperatamente senza sforzo, con l’allontanamento di un potenziale elemento di dissenso attraverso dinamiche del tutto esterne al Consiglio, passando esclusivamente per la direzione interna della lista di appartenenza del consigliere interessato e quindi evitando provvedimenti che avrebbero rischiato di dipingere l’Amministrazione in una luce eccessivamente autoritaria. Di fatto a uscirne indebolita è ancora una volta l’opposizione, sempre più divisa e senza un chiaro piano politico. Quel che è certo è che la prossima seduta consiliare non mancherà di regalare colorite menzioni della vicenda da ambo le parti.

Alessandro Mazzarello