Published On: Gio, Ott 24th, 2013

Caccia nuovamente chiusa in Liguria: Accanimento degli ambientalisti o reali problemi ?

caccia

Sospesa nuovamente la caccia in Liguria.  Le associazioni ambientaliste hanno di nuovo impugnato il calendario venatorio, ottenendo per la seconda volta in dieci giorni la loro seconda vittoriosa battaglia a discapito dei cacciatori. Adesso resta solo da pensare se tutto questo accanimento ambientalista sia per giuste e fondate problematiche all’ambiente o solamente un modo per far cessare la così insopportabile attività venatoria. Sul profilo Facebook l’Assessore Regionale all’Ambiente Renata Briano scrive : « Il TAR ha nuovamente sospeso il calendario venatorio modificato ad inizio settimana, ma adesso sta diventando una questione di credibilità dello Stato e non più una battaglia contro i cacciatori o la caccia. Non ho nemmeno la voglia di commentare queste decisioni – continua la Briano – hanno anche sospeso la caccia al cinghiale che era l’unico modo per dare un po’ di respiro agli agricoltori e anche sicurezza ai cittadini visto che oramai gli ungulati si spingono fino nei centri abitati» Le immagini le abbiamo viste anche nei telegiornali regionali; cinghiali sui bordi delle strade, nascosti tra le macchine parcheggiate che aspettano che gli sia portato qualcosa da mangiare. Ma forse in molti non hanno capito che non si tratta di innocui Germani Reali o Gabbiani, si tratta di veri e propri carri armati setolati che vagano senza meta per le strade cittadine e c’è sempre da sperare che qualche sfortunato motociclista non se ne trovi uno davanti alla ruota anteriore durante il suo tragitto. Forse i cacciatori dovrebbero farsi rimborsare i giorni di caccia vietati dopo aver pagato fior di quattrini per il loro ” Hobby”.. Ma da chi ? O forse sarebbe meglio se le associazioni ambientaliste collaborassero come fanno in altri Paesi Europei con le associazioni venatorie, censendo le specie e redigendo  all’unisono un calendario definitivo ed intoccabile ? Forse sarebbe anche il caso di spiegare che l’unica salvezza dell’ambiente a noi circostante è in mano proprio ai cacciatori che, ogni stagione venatoria, tengono puliti i sentieri oramai abbandonati quasi da tutti.

E non dimentichiamoci ( come si diceva sopra ) che il problema cinghiali bisogna risolverlo e sicuramente non basterà dire ai “grugnosi” animali « pussa via… » In ogni caso anche il calendario transitorio è andato in fumo. Niente caccia fino a nuovo ordine.

Probabilmente,come qualcuno preannuncia scherzosamente, si andrà avanti fino al 31 Dicembre. Ma i referendum non servono proprio a nulla ?

Displaying 14 Comments
Have Your Say
  1. Fedricxs ha detto:

    @Roller
    Sei un ignorante…e se ti senti offeso ti posto questo link ..cosi prima di postare ci pensi..ciao..

    http://it.wikipedia.org/wiki/Ignoranza

  2. giuppino ha detto:

    ma parliamo di agricoltura o di orti di privati pensionati?? no perchè alla briano andrebbe spiegata la differenza!! E sopratutto il pensionato sa come difendere il suo orticello!!

  3. giuppino ha detto:

    @ marco
    io mi riferivo al fatto che i cinghiali si trovano anche nei gretti dei fiumi e non necessariamente vengono saziati dagli umani…avvicinandosi comunque ai centri abitati!! Come dice Roller non parliamo più di ungulati, oramai estinti ma di ibridi…i veri cinghiali non pesano 200 kg. come un maiale, con il quale invece si accoppiano!! Per salvare capra e cavoli bisogna recintare prima i cinghiali e con loro i cacciatori così da esaudire la vs vena sanguinaria!!! altroche calendario venatorio con 3 uscite settimanali di cui una la domenica….voglio vedere chi, NON CACCIATORE, si reca nei boschi solo per farsi una passeggiata in quei giorni!!

  4. Roller ha detto:

    “Non ho nemmeno la voglia di commentare queste decisioni – continua la Briano – hanno anche sospeso la caccia al cinghiale che era l’unico modo per dare un po’ di respiro agli agricoltori e anche sicurezza ai cittadini visto che oramai gli ungulati si spingono fino nei centri abitati”. Lo scrive la signora Briano che, degli ungulati ha una visione tutta sua, come se fossero animali feroci. In realtà questi “ibridi” sono tanto fiduciosi nell’uomo da venire a cercare da mangiare fino nei centri abitati. ma chi li ha fatti prolificare tanto? Danni all’agricoltura? Ma esiste ancora l’agricoltura in Liguria? Ovunque il guardo io giro, erbacce solo vedo …

  5. Roller ha detto:

    Roller legge:“Si possono cioè depositare nei boschi, con autorizzazione, quantitativi di granturco in chicchi – spiega Spanò – destinati appositamente ai cinghiali, con la scusa di tenerli lontani dai coltivi. Di conseguenza se il comune cittadino foraggia questi ungulati, è sanzionato, mentre il cacciatore è libero di agire.”. Non ho mai letto nulla di più stupido e bizantino …

  6. http://www.genova24.it/2013/10/caccia-nuovo-stop-esultano-gli-ambientalisti-messo-subito-ko-il-calendario-tappullo-57743/
    consiglio la lettura di questo articolo, soprattutto gli ultimi paragrafi. Istruttivi, molto istruttivi.

  7. Vanessa ha detto:

    Ma quale accanimento degli ambientalisti!
    Il ricorso al TAR e’ stato vinto con contraddittorio tra avvocato WWF e avvocato Regione Liguria. Di cosa stiamo parlando? E’ stato emesso un decreto cautelare di sospensione della caccia. Qui non si tratta di opinioni.
    Riusciranno i vostri eroi a deliberare un calendario venatorio che rispetti le regole…? lo scopriremo solo vivendo…

  8. Fabio ha detto:

    Ecco bravi.. sospendete l’attività venatoria per davvero.
    E soprattutto sospendete il foraggiamento, così vedrete che “per magia” il loro numero si autoregolamenterà (certo, che se aveste evitato di far estinguere anche i loro predatori naturali sarebbe stato ancora meglio)

  9. Roller ha detto:

    – hanno anche sospeso la caccia al cinghiale che era l’unico modo per dare un po’ di respiro agli agricoltori e anche sicurezza ai cittadini visto che oramai gli ungulati si spingono fino nei centri abitati»
    La signora Briano s’è chiesta le cause di questa anomala riproduzione di cinghiali mezzi maiale? Forse sono ibridi che si riproducono più prolificamente di un cinghiale selvatico. Di buona indole visto che vengono a cercare da mangiare agli umani. Penalizzate Federcaccia e paraventi di questa di sapore “ecologista”.
    Il concetto mi sembra semplice: tu non metti a pericolo la vita di uno che va a diporto nei boschi perché hai voglia di fare il sanguinario. Vai nelle riserve di caccia.
    La provincia (proprietaria dei cinghiali) si incarichi della cattura e del confinamento in terreni recintati rigorosamente (se i proprietari terrieri concordano) e permettano la caccia solo all’interno di questa riserva.

  10. Roller ha detto:

    Già il termine “accanimento” usato nel titolo (seppure in una interrogativa) fa capire che o il cronista o la testata non hanno distacco sia dai cacciatori che dagli ambientalisti. Io oppongo contro la caccia un solo argomento.
    a) possono essere usate cartucce a frammentazione;
    b) proiettili come il micidiale 223 Remington usato nel celebre M16 (fucile d’assalto)
    c) non c’è nessun controllo sulla sobrietà di chi spara mentre per gli automobilisti non si scherza.
    E tutto ciò in terreno aperto a tutti, augurandosi di non essere impallinati per sbaglio o di beccarsi un micidiale 223 che entrato in corpo a quasi 1000 m/s rimbalza dentro più volte prima di fermersi.

  11. Questo scritto mi sembra decisamente di parte. Le sentenze si rispettano, le interpretazioni servono a far capire realmente con chi si ha a che fare.

  12. Marco ha detto:

    Illegale è dare da mangiare ai cinghiali se mai…..

  13. giuppino ha detto:

    nn so se avere più paura dei numerosi cacciatori che illegalmente si avvicinano ai centri abitati per sparare ai cinghiali o di questi ultimi che si avvicinano per mangiare!!

  14. marco ha detto:

    Credo che questa volta la protesta deve essere molto mirata…a mio avviso dovremmo intervenire sospendendo l’attività venatoria specialmente chi come me pratica la caccia al cinghiale da 30 anni….non si può più tollerare una presa in giro del genere… Se nessuna dico nessuna squadra di caccia al cinghiale riprendesse dopo il 13 l’attività credo che in qualche modo si smuoverebbero le categorie collegate come gli agricoltori gli agriturismi ecc… Bisogna toccare nel vivo e nel portafoglio chi ha voluto tutto questo…per anni abbiamo pagato di tasca nostra e alleggerito il problema dei cinghiali ora basta…

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>