Published On: Lun, Set 16th, 2013

Caos in Comune: quel pasticciaccio brutto del Consiglio Comunale deserto

Mancava soltanto la scarpa sbattuta sul tavolo e sarebbe stata notevole la somiglianza col famoso gesto di Nikita Kruscev, capo del Politburo Sovietico, al palazzo dell’ONU. Solo che a Chiavari, oggi, il Consiglio Comunale era deserto e le scarpe sul tavolo le hanno sbattute un po’ tutti.

La minoranza era regolarmente arrivata, convocata dal presidente Giardini, il quale aveva nei giorni scorsi respinto la richiesta del Sindaco di rinviare la seduta per aspettare gli esiti dell’asta sulla Colonia Fara, uno degli argomenti all’Ordine del giorno.
Ma la maggioranza non si è presentata all’appuntamento fissato alle 9:30 di questa mattina: notevole coup de theatre, e due successive affannose conferenze stampa di magioranza e opposizioni, dopo che si era definitivamente constatata la mancanza del numero legale.

Così la minoranza (Cervini, Garibaldi, Lagomarsino, Stagnaro e Viarengo) ha stigmatizzato un comportamento giudicato “gravissimo, ipocrita” che sarebbe un segno evidente della crisi della Giunta.
D’altro lato è pur vero che si è creata un’anomalia tra presidenza del Consiglio comunale, la maggioranza e le diversissime opposizioni (ex agostiniani, Pd, Viarengo -distaccatosi dal Pd-; Cervini…) che tutte insieme contestano la maggioranza guidata dal sindaco Levaggi.
Venuto a cadere il rapporto di fiducia tra Giardini e Levaggi, il clima è peggiorato. A inizio 2013  facemmo notare che il consiglio comunale di Chiavari era forse un poco troppo elefantiaco e chiaccherino, mentre maggioranza e opposizione avrebbero potuto e dovuto snellirlo e concentrarsi di più sulla programmazione, la manutenzione, i grandi progetti (ce ne sono ancora?).
Dopo quelle due brevi noterelle qualcuno pensò che si trattasse di una polemica pretestuosa e ci rimbrottò, ma forse avevamo ragione e il messaggio che volevamo far passare è quello che vedete nell’immagine qui di seguito.

Il prossimo Consiglio verrà convocato dopo l’ennesima asta per la vendita della colonia Fara. Argomenti bollenti, sempre gli stessi: Area Preli, parcheggi, scuole, Sampierdicanne. In cima all’Ordine del giorno ci sarà la decadenza del pidiellino arch. Giardini. Al suo posto dovrebbe andare Maurizio Barsotti.
Ipotesi.

finito di litigare

Displaying 3 Comments
Have Your Say
  1. La parola condivise usate da Levaggi fan sorridere e tanto, un soggetto che non rappresenta manco il 20% dei chiavaresi dovrebbe farsi delle domande..

    Per fortuna qualcuno ha iniziato a dargli del buffone..
    Il caro Getto si limita a dir che è un ipocrita troppo buono.. o troppo amico..

  2. Redazione ha detto:

    Abbiamo chiarito in parte cosa servirebbe -secondo noi, ovviamente- alla città, in una discussione nella pagina di Mugugni di Chiavari (Facebook) nei commenti a questo articolo. Levaggi ha dato alcune indicazioni in questo senso. Sarebbe opportuno arrivare a una sede di discussione in cui stabilire regole di azione condivise, e poi ripartire da lì, nel reciproco rispetto dei ruoli e delle opinioni.

  3. Verità sconttanti.. ha detto:

    Visto che Levaggi tutto ottuso non lo è.. chi è il suo consigliere occulto, da chi si sta facendo scavare la fossa della sua zattera di scappati di casa??

    A qualsiasi futura elezione verranno spazzati via.. ma chi è il “ciuccialatte” che mangeggia il sindaco?

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>