Published On: Sab, Mar 17th, 2012

Carannante: “Sinistra alla canna del gas, non partecipiamo al loro funerale”

Andrea Carannante

Andrea Carannante

RAPALLO. “I funerali definitivi della sinistra rapallese“. Esordisce così Andrea Carannante, candidato sindaco del Partito Comunista dei Lavoratori, nel giorno in cui la Federazione della Sinistra e Italia dei Valori hanno ufficializzato i propri candidati.

Dissidenti del PD coalizzati con gli ex AN e UDC mentre il resto della sinistra si arrende consegnando definitivamente la città alle destre. La sinistra rapallese ripete la solita parabola perdente anche in questa tornata elettorale, accondiscendendo di fatto ad un risultato elettorale perdente e che riconsegnerà il paese alle destre.

Ecco perchè la sinistra di Rapallo non ha mai vinto, non perchè troppo “divisa”, ma perchè ha cessato di essere tale e lo ha dimostrato dopo la presentazione delle liste. Tutte le sinistre erano unite anche alle ultime elezioni, altro che sinistre “divise”!  Tutte le sinistre sono unite, al di là delle diversità di sigla, nelle giunte di centrosinistra come in Regione Liguria a votare il taglio delle spese sociali. E se litigano spesso tra loro è solo perchè si disputano poltrone e ruoli nelle stesse giunte in cui insieme siedono. Altro che sinistre “divise”! Una sinistra alla canna del gas, che fa politica SOLO per prendere voti, e non chiede voti ad una politica nuova”.

Un giudizio implacabile quello di Carannante che ponendosi come alternativa conclude affermando “ci rivolgiamo a tutte le persone di sinistra di questa città, a partire dalle persone più combattive, più generose, più coscienti, per dire loro la cosa più semplice: uniamo le nostre forze attorno ad un programma di vera opposizione e di vera alternativa, al di là del voto, nei luoghi di lavoro, nelle strade, nelle piazze. Non parteciapiamo al loro funerale!

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>