Published On: Sab, Ott 31st, 2015

Casarza ligure: tragedia sfiorata a scuola

Pubblichiamo un comunicato di M5S Casarza ligure

Prendiamo a prestito due termini filosofici per commentare le dichiarazioni del sindaco Giovanni Stagnaro dopo il sopralluogo delle minoranze Pd e Casarza Futura presso le locali scuole primarie di primo e secondo grado. L’episodio della finestra che si è staccata, per un miracolo non si è trasformato in tragedia. La maggioranza al governo di Casarza Ligure poteva cogliere il momento per una verifica puntuale delle criticità e accelerare gli interventi che, viene dichiarato, partiranno in dicembre. Invece no, anziché un dignitoso silenzio si accusa il personale che opera nelle scuole di scarsa vigilanza verso i ragazzi che, si lascia intendere, sarebbero “colpevoli”. Rammentiamo al sindaco che la sorveglianza dei minori è affidata ai docenti, che ne rispondono in prima persona al loro dirigente didattico, esattamente come la polizia municipale del comune risponde direttamente al sindaco. Colpevoli. Di cosa?
Non intervengono, come ci si aspetterebbe, gli assessori ai lavori pubblici Lorenzo Ara e quello all’istruzione Mirella Biasotti, bensì il sindaco. Come mai? Quando sono stati eseguiti gli ultimi controlli de visu da parte degli assessori competenti? Lo chiederà la nostra portavoce Giovanna Rezzoagli Ganci con un’interrogazione ad hoc. Portavoce che nuovamente e sempre per motivi etici sempre più evidenti, si augura un sussulto di dignità con relative dimissioni della giunta. Giunta che “accusa” la gioventù del proprio comune di essere responsabile del degrado degli edifici scolastici. Altro che scollamento tra cittadinanza e maggioranza: ormai siamo alla colpevolizzazione. Domanda legittima: cosa fanno gli assessorati all’istruzione e ai servizi sociali per prevenire il presunto disagio che sfocerebbe in atti di danneggiamento? Perché implicitamente di questo parla il sindaco ff. La scuola pubblica va difesa e tutelata a tutti i costi, compresi quelli che possono scontentare l’elettorato affezionato. I bambini e i ragazzi non votano, già… ma se potessero …

Denise Bersellini, Salvatore Ganci Elena Grossoni, Roberta Marenghi
M5S Casarza Ligure

scuola casarza

Un angolo delle scuole di Casarza

Displaying 7 Comments
Have Your Say
  1. Gatto nero ha detto:

    Vedo con piacere che vi ho fatto svegliare dal vostro torpore. Vi interessa più il nome o quello che dico? I sinonimi sono usati dall’antichità,andatevi un pò ad aggiornare. Anche se per forza di cose volete fare i giovani a tutti i costi! Sono un CODARDO e a voi cosa importa? Commentate,non siate assolutisti. Certo che in fatto di nomi…….

  2. John Sabini ha detto:

    Mi sono dimenticato di mettere il mio nome. Gatto Nero: Sei un povero CODARDO senza nome e viso… L’unica cosa neara e’ il tuo cervello. John Sabini

  3. Il tuo nome... ha detto:

    Gatto nero: Sei ancora in giro a far schifo? Sei un CODARDO senza nome… L’unica cosa nera e’ il tuo ignorante cervello

  4. Gatto nero ha detto:

    John Sabini,sei solo essere apodittico. Ma ti rendi conto di quello che dici?

  5. John Sabini ha detto:

    Rimane solo il M5S se vogliamo un paese migliore, onesto e rispettabile nel mondo. Punto e basta

  6. Roller ha detto:

    Sarebbe bello se metteste una nuova fotografia della scalinata della scuola media. Questa manca delle ringhiere di sicurezza che furono il primo obiettivo conseguito dal Movimento Cinque Stelle ancora prima che esistesse il Meetup cittadino.
    Grazie della considerazione.

  7. Roller ha detto:

    Questa fotografia non è aggiornata…Ancora prima che esistesse il ‘Meetup Cinque Stelle’ in Casarza Ligure con sottile ironia, due tremende donne conseguirono l’obiettivo di far porre le ringiere di protezione ai lati della scalinata. prima, con un muretto ad altezza di ginocchio, uno poteva fare un volo di due metri sulle scale sottostanti…

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>