Published On: Ven, Mar 16th, 2012

Caselli a Casarza Ligure, Acari: opinione fortemente dissenziente nei confronti del suo operato

CASARZA LIGURE. Mentre la città attende l’arrivo del Procuratore capo di Torino Giancarlo Caselli (vedi questo articolo) per l’incontro Anni spietati in programma stasera al circolo Raggio di luna, si levano i primi malumori e dalla associazione culturale antirazzista Acari arriva un’analisi dell’operato del magistrato che va oltre l’impegno contro il terrorismo. “Il magistrato Caselli è quell’esempio di rettitudine che ha dedicato la propria vita alla lotta contro il terrorismo e la mafia, ma nella gestione della questione Tav non sembra abbia tratto grandi insegnamenti dalle sue esperienze – si legge nel comunicato diramato oggi dall’associazione – da un lato dovrebbe sapere che la storia degli anni di piombo è costruita su documenti di identità bruciati, clandestinità, reti terroristiche internazionali, scelte che tutto avrebbero potuto comprendere tranne l’esposizione in manifestazioni pubbliche; dall’altro non può non rendersi conto che gli interessi delle associazioni mafiose che in passato ha tanto lodevolmente contribuito a combattere non possono non annidarsi nell’affare TAV, con alle spalle colossi quali Impregilo, Cmc, Rocksoil, Immobiliare lombarda, pronti a banchettare sulla pelle dei valligiani”. Al centro delle critiche i recenti arresti in seguito i disordini delle ultime settimane in val di Susa, primo su tutti quello del genovese Gabriele Filippi. ” Il suo intervento a piedi uniti che ha portato all’arresto con accuse sproporzionate in tutta Italia di manifestanti No Tav ha tutta l’aria dell’ennesima genuflessione al pensiero unico che, Mario Monti in testa, sta uniformando i comportamenti di politica, stampa, televisione, persino sindacati (con le dovute eccezioni) e a questo punto anche della magistratura agli interessi delle grandi concentrazioni finanziarie ed economiche che hanno visto nella vicenda Tav il grimaldello per scardinare le ultime resistenze”. La posizione degli Acari si esprime dunque in una opinione fortemente dissenziente nei confronti dell’operato del dottor Caselli: “siamo fortemente solidale nei confronti dei ragazzi arrestati e soprattutto nei confronti di quelli che da più di un mese e mezzo sono ancora in galera.
Sull’opportunità o meno di contestare il Dottor Caselli a Casarza ligure possiamo solo dire: ognuno si muova come meglio crede”.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>