Published On: Lun, Ott 26th, 2015

Castagne caldarroste all’Inferno (o castagne flambé), un’antica ricetta ligure

E’ la stagione delle castagne, e sono molte le sagre dove si possono mangiare le caldarroste o le “pelate” (castagne bollite nel latte), o le bollite. Il tutto si può benissimo fare anche in casa.

Una rara ricetta ligure e piemontese, che parte dalle normali caldarroste, è però alquanto sconosciuta. Non la potrete assaggiare nelle sagre, ma siccome il risultato è buonissimo e molto scenografico, vi sveliamo il segreto.

  •  Castagne all’Inferno o Castagne flambé

Ingredienti:
Castagne; grappa fatta in casa o comunque buona e forte, zucchero.
Preparare le caldarroste, ricordandosi che:
Vanno cotte a fuoco bassissimo, soprattutto oggi che non si usano le stufe a ghisa o la brace. Ogni tanto le si può bagnare col vino. Il vino va utilizzato soprattutto a fine cottura: si prendono le caldarroste e si mettono in un contenitore subito dopo averle tolte dal fuoco. A quel punto bagnare con vino e coprire con un panno. Le caldarroste rimarranno morbide.

Per fare le caldarroste “all’inferno”
1. Sbucciare le caldarroste appena fatte, togliendo anche la pellicola interna, e metterne una parte in una scodella da latte;
2. Versare poi un mezzo cucchiaio di zucchero e la grappa (un bicchierino circa);
3. Agitare ma non mescolare (come il Martini di James Bond);
4. Accendere la grappa nella scodella con un fiammifero e servire. Gli invitati potranno prendere le castagne con un cucchiaio direttamente dal flambé.
Da leccarsi le dita.

  • Castagne pelate

Ingredienti:
1 dose di castagne;
1 dose uguale di latte;
1/2 bacca di vaniglia;
zucchero (senza eccedere).

Togliere la buccia esterna e mettere a bollire in acqua per 40 minuti circa. Poi pelare le castagne della loro pellicola interna e metterle a bollire nel latte aggiungendo vaniglia e zucchero.

  • Castagne bollite

Mettere le castagne con tutta la buccia in acqua fredda, aggiungendo qualche foglia di allora e dei semi di finocchio, e far bollire per 40 minuti circa).
(Grazie a Romano P.)

Castagno monumentale di Poggio d'acero

Castagno monumentale di Poggio d’acero

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>