Published On: Mar, Lug 16th, 2013

Charlene di Monaco a Portofino su un super yacht

Breve visita visita a Portofino per Charlene di Monaco, la 35enne avvenente moglie sudafricana di Alberto di Monaco. La ex nuotatrice (Wittstock è il suo cognome) è stanca di essere definita dalle congreghe gossippare di tutto il mondo come “la principessa triste”. Storie di corna emersero sui rotocalchi di carta e di pixel addirittura nei giorni del matrimonio tra lei e Alberto (i re del gossip immaginarono una subavventura forse vera, la cui colpa era naturalmente del gaudente principe figlio della bellissima Grace Kelly e del rosputo Ranieri). Balle probabili più recenti hanno costruito una vendetta di Charlene, che sarebbe crollata di fronte alle grazie forzute di un rugbista. Dura la vita della principessa…

Lei ha tenuto a precisare che le sue lacrime al matrimonio erano di commozione: “Ero sopraffatta dalle emozioni, anche per tutti i gossip che c’erano stati, e la tensione era così alta che sono scoppiata in lacrime. Ovviamente, poi ho iniziato a piangere di più perché ho pensato “Ora tutto il mondo mi ha vista piangere”.

Charlene ha recentemente riparlato del principino che non arriva, ripromettendosi di fare il possibile per farlo arrivare (glielo hanno spiegato, come si fa, ai due consorti monegaschi?). Argomento non banale, nei giorni del preparto della super principessa  Kate Middleton

A Portofino Charlene ha pranzato al Chuflay, il ristorante dell’Hotel Splendido, più discreto di Puny -che è nel centro della Piazzetta. Si trovava a bordo dell’Attessa IV, il super yacht del plurimiliardario minatore Dennis Washington, che già l’anno scorso era ormeggiato al Marina aeroporto di Genova.
Altri dati e immagini su Liguria Nautica.

Charlene di Monaco a Portofino (photo Liguria Nautica)

Charlene di Monaco a Portofino (photo Liguria Nautica)

Attessa IV (photocredit: Liguria nautica)

Attessa IV (photocredit: Liguria nautica)

attessa-iv

 

 

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>