Published On: Mer, Dic 13th, 2017

Chiavari: censimento della popolazione a rischio inondazione. Problema reale

Giovedì 14 Dicembre inizierà il censimento della popolazione a rischio inondazione del Comune di Chiavari. Il censimento rientra nelle attività del Progetto di Servizio Civile: Chiavari al sicuro! Procedure per la messa in sicurezza dei cittadini a rischio alluvione del Comune di Chiavari, e verrà svolto da 4 Volontari del Servizio Civile, in forza al Comune per 1 anno.
La decisione è utile, ma ribadiamo una volta di più che le malattie si curano con la prevenzione e cure adatte, non solo con pillole che mitigano i sintomi senza risolvere il problema a monte.
Ciò significa che tutta la parte finale del fiume Entella va attentamente sistemata, sia alla foce (rimuovendo i detriti), sia sugli argini, sia sugli scarichi delle acque bianche delle aree vicine. Naturalmente va anche controllata l’efficienza dei lavori eseguiti dalla giunta Levaggi sul torrente Rupinaro.

In una fase preliminare del progetto, i volontari hanno già identificato nell’area rossa del Torrente Rupinaro e del Fiume Entella (fascia di inondabilità con tempo di ritorno 50 anni) gli edifici con piani terra e piani sottostrada destinati ad abitazioni.

La questione è quindi reale, anche se a Chiavari a volte la voce più grossa è dei minimizzatori del rischio alluvione, ma non si capisce bene perché costoro urlino al vento e alla pioggia come oche del Campidoglio al contrario, che urlano quando non c’è nessuno e tacciono quando c’è il pericolo.

Il censimento prenderà il via dall’area alla foce del Rupinaro, sarà rivolto ad approfondire le informazioni inerenti agli abitanti presenti ai piani strada e sottostrada, per valutare il livello di rischio a cui sono sottoposti, e, di conseguenza, individuare eventuali misure da mettere in atto durante gli stati di allerta e durante le fasi di allarme.

A tale scopo i volontari distribuiranno un modulo ed aiuteranno gli abitanti nella compilazione: verranno richiesti dati inerenti al numero di persone presenti e alla possibilità di mettersi in sicurezza autonomamente. Saranno fornite informazioni sulle finalità del censimento e sulle modalità del trattamento dei dati raccolti. La compilazione del questionario non è obbligatoria, ma il mancato conferimento della propria utenza telefonica comporterà l’impossibilità di ottenere il servizio di chiamate vocali per informazioni di pubblica utilità ed, in particolare, informazioni di protezione civile.

I volontari diffonderanno anche informazioni inerenti al Rischio Idrogeologico esistente sul territorio comunale e sulle misure di autoprotezione da intraprendere durante le Allerta Meteo e durante le Alluvioni. Verrà a breve instituito, presso il Palazzo Comunale, un punto di informazione dove sarà possibile compilare il modulo per il censimento, per i cittadini non presenti al momento del sopralluogo, e ottenere informazioni inerenti alla Protezione Civile.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il Portale Comunale alla pagina del Censimento Abitanti a Rischio Alluvione, dove si potrà scaricare un fac-simile della scheda di censimento e dove ogni giorno verrà indicata l’area in cui i Volontari stanno svolgendo il censimento.