Published On: Mar, Mar 18th, 2014

Chiavari: Levaggi compatta il centrodestra e punta a una lista civica autonoma e liberale

Presentata questa mattina a Chiavari la nuova lista civica di centrodestra di Chiavari, una lista che segna da un lato una  autonomia dal centralismo berlusconiano e dal Ncd (alcuni rappresentanti della nuova lista sono legati a fondazioni liberali -come l’avvocato Silvio Boccalatte, collaboratore dell’Istituto Bruno Leoni), dall’altro vuole marcare non le spaccature ma una “unità culturale di fondo”, ovviamente allo scopo di non perdere i numeri necessari al proseguimento della amministrazione e al suo secondo mandato elettorale, tra tre anni.
Si tratta quindi di un tentativo di sfuggire dal clima litigioso, più romano che chiavarese (ma anche nella vicina Santa Margherita il centrodestra è entrato in fibrillazione) Del resto lo slogan della campagna elettorale che ha portato Roberto Levaggi alla carica di sindaco di Chiavari era inequivocabile: “Guardiamo oltre“.

La lista si chiama “Noi di Chiavari”, nella quale confluisce il gruppo PDL – Levaggi Sindaco: “In questa fase di diaspora nei partiti di Centro Destra a livello nazionale, dopo lo scioglimento del P DL e la conseguente creazione di nuove forze politiche a Chiavari” – dichiara Roberto Levaggi – “abbiamo voluto dare un segnale di unità e di compattezza fra tutti gli eletti in consiglio comunale della lista “PDL-Levaggi Sindaco” con la creazione di un gruppo civico denominato: “Noi di Chiavari”. Tale gruppo fa riferimento ai valori liberaldemocratici che da sempre hanno contraddistinto la nostra azione politica, oltre che al PPE a livello Europeo”.

L’intento è di essere in prima linea e lavorare per il territorio e per il bene in primis della città: in tal modo alcune decisioni potranno venir prese in autonomia, ad esempio per quanto riguarda la “città metropolitana”; Levaggi sottolinea infatti  con forza il suo “no “nel rendere il Tigullio un’appendice di Genova. “Il Tigullio deve essere protagonista e Chiavari mantenere il suo ruolo di capofila” – spiega il Sindaco – “attraverso la mia azione in ANCI abbiamo ottenuto uno sblocco del patto di stabilità: crediamo che una buona amministrazione vada al di là dei colori politici. Questa lista nasce anche e soprattutto per una volontà di apertura nei confronti di altri cittadini che, pur simpatizzando a livello nazionale per partiti o leader differenti, condividano l’operato di questa Amministrazione e decidano di affiancarci  impegnandosi per il bene esclusivo della città. Noi intendiamo fare una politica civica, la politica nazionale deve rimanere al di fuori”.

Alex Molinari, Capogruppo, esprime grande soddisfazione per il percorso fatto insieme ad oggi, per la coesione e per l’ampia condivisione del programma e di un progetto. “Rinnoviamo la fiducia al Sindaco Levaggi in questa nuova veste: al di là delle appartenenze ideologiche il nostro obbiettivo è governare bene Chiavari, e farlo con Roberto Levaggi”.

A simboleggiare l’unità e la compattezza di tutta la maggioranza, presenti anche vari esponenti di “Chiavari Cresce” e “Per Chiavari”.  “C’è molta condivisione, unità d’intenti: lavoriamo molto bene insieme” – spiega Maria Stella Mignone – “ci riconosciamo nella leadership del sindaco Levaggi, che è riuscito a stimolare e a rinsaldare il gruppo”.

Il forte legame con la città è evidenziato anche dal simbolo della nuova lista, nato dalla creatività di Mara Musso dello studio Smart di Chiavari: i colori sono il verde, il bianco, il blu nelle sue varie declinazioni; il nome della città, Chiavari, “adagiato” sulla base del logo assume la forma di un antico gozzo ligure, richiamo alla vocazione marinara del Tigullio.

Roberto LEVAGGI

Alex MOLINARI (Capo Gruppo)

Angelo DE FAZIO ROMANO (Vice Capo gruppo)

Maurizio BARSOTTI

Silvio BOCCALATTE

Paolo BOGGIANO

Daniela COLOMBO

Marco ROCCA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 ROBERTO LEVAGGI

Displaying 1 Comments
Have Your Say
  1. Pino ha detto:

    Traballa la “carega”… si prepara ad elezioni anticipate..??

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>