Published On: Ven, Feb 15th, 2019

Chiavari liberalizza l’esercizio di più attività commerciali, artigianali e professionali all’interno di un’unica unità immobiliare

Una buona soluzione trovata dal Comune di Chiavari per aiutare concretamente le aziende e i professionisti che devono fare fronte a ormai 10 anni di crisi. Si rende pertanto possibile la possibilità di condividere l’affitto e le bollette di un immobile dove più partite Iva potranno quindi convivere.
Durante la seduta di giunta di questa mattina, l’amministrazione Di Capua ha disposto l’annullamento della delibera di Giunta n. 325 del 2014, che stabiliva che “in un’unica unità immobiliare, a destinazione commerciale, con unico accesso sulla via pubblica, è ammessa l’apertura di un unico esercizio di vicinato/artigianato/servizi”. La stessa è stata disapplicata poiché non coerente con le norme vigenti, anche di derivazione europea.

Dichiara l’assessore al Commercio, Gianluca Ratto «La nostra amministrazione dimostra di essere, ancora una volta, sensibile al settore dell’artigianato e del commercio cittadino, nostro fiore all’occhiello da sempre».

Conclude il primo cittadino Marco Di Capua «Recepite le istanze di artigiani e liberi professionisti, la mia giunta ha liberalizzato l’esercizio di attività commerciali, artigianali e professionali all’interno di un’unica unità immobiliare. In questo modo, a seguito della contingenza economica sfavorevole, più aziende o professionisti possono far fronte a oneri derivanti da affitti, spese di gestione e acquisti in maniera congiunta. Quindi, un doppio goal: riduzione e detrazione dei costi fissi in un periodo di crisi importante».

Palazzo Bianco , sede del Comune