Published On: Ven, Mar 22nd, 2013

Chiavari si affida a un consulente per i Rifiuti urbani

Procede il riordino del processo dei Rifiuti Solidi Urbani a Chiavari. Come previsto, nei prossimi giorni verrà definita la divisione in zone necessaria all’introduzione della raccolta casa per casa. L’iniziativa tuttavia necessita di maggior tempo e -pertanto- è rinviata all’autunno. Ciò è necessario per avere il tempo di informare adeguatamente i cittadini (di norma questi dovrebbero ricevere un Kit per la gestione della differenziata e un insieme di strumenti e consigli).

Intanto sarà utilizzato come consulente esterno l’ing. Giuseppe Tommaso Sanfilippo, che è stato Direttore generale di AnconAmbiente, società partecipata del Comune di Ancona. Sanfilippo si è occupato in particolare dell’organizzazione e della comunicazione della raccolta differenziata e ha lavorato dal 2007 a dicembre 2012 nella società del Comune di Ancona. Sanfilippo -siciliano di origine- risiede in Liguria e prima del prestigioso incarico di Ancona ha lavorato per lo stesso settore ambientale in provincia di Biella. E’ poi stato collaboratore di AnconaAmbiente da 20 anni, prima di diventare DG con deleghe anche su amministrazione e gestione del personale.
Ancona rispetta gli obiettivi imposti dalla normativa europea sulla gestione e il trattamento dei rifiuti.
Interessante un particolare su Sanfilippo: è stato attaccato sul tema di un termovalorizzatore a biocelle da “ambientalisti”. Evidentemente c’è in Italia chi preferisce la differenziata con conferimento in Bulgaria e consumo di interi giacimenti di petrolio per il trasporto di un buccia di banana e di ogni bottiglietta di plastica, al cui confronto trasformare le bucce o la bottiglietta di pet (che è petrolio che non rende come il vetro, a recuperarlo) è un atto ambientalista meritorio, tanto più se attuato con un procedimento biologico.

raccolta_porta_a_porta

Displaying 6 Comments
Have Your Say
  1. Fracazzo ha detto:

    Sanfilippo anche Ignazio Marino porta con sé sempre lo zainetto. Vi assomigliate perche siete due inutili idioti. Con la differenza che amministrare Roma non è come “dirigere” una piccola azienda. Marino con le cene a carico del comune di Roma, lei con cambi frequenti di mezzi tecnologici (cellulari, i pad, notebook etc), a carico della collettività. La sua fortuna che ai quei tempi c’era un Presidente del CdA che era un pavido. Lei una sola cosa deve imparare: l’umiltà e l’educazione, altro che dirigere aziende.

  2. Fraca... ha detto:

    Affidare il servizio a GTS, come ama firmarsi lui, è il massimo delle scelte. Chiedete come ha diretto l’azienda AnconAmbiente l’ingegnere oceanografico: l’hanno cacciato a quel gran genio, solo pieno di presunzione da buon siciliano. L’ultimo dei miei desideri sarebbe incontrarlo a quattr’occhi per dirgli cosa penso di lui. Non c’è un aggettivo dequalificante che gli renderebbe giustizia!

  3. marco ha detto:

    é vero stefanì, chiedete anche a sanfilippo le pesate della differenziata che porta igenio al rientro in sede

  4. stefanì ha detto:

    ragazzi,mi inserisco anche io,domandate a sanfilippo che cosa è l’igenio,come funzione e soprattutto…..quanto costa.

  5. gilberto ha detto:

    A proprio ragione pipigu, chiedete a Sanfilippo perche’ dopo 5 anni a lasciato. ba…… meditate gente meditate gente.

  6. pipigu ha detto:

    controllate bene l’operato di sanfilippo in anconambiente.chiedete ai dipendenti.quest’anno lasceranno per la seconda volta la produttività,oltre alle ferie non godute,e altre piccole sciocchezzuole per ripianare un deficit di alcuni eurini,controllate,gente controllate anche la bontà del servizio p.a.p in ancona

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>