Published On: Mar, Mar 3rd, 2020

Chiuse le scuole liguri fino a lunedi 9. Non serve a niente, se centri sportivi e piscine saranno aperti

Se dopo l’8 marzo si giocherà a porte aperte anche a Milano, allora avremo la certezza che la prima forza politica italiana è la Lega Calcio.
Intanto, in Liguria, giustamente le scuole resteranno chiuse fino a lunedi 9 marzo. Intanto, era già nato il consueto caos tra il decreto che imponeva alcune regole per la disinfezione di locali, studenti e personale, mentre poi in realtà mancavano i flaconi di amuchina etc. etc.

Naturalmente, siamo cerchiottisti fino alla morte… Ovvero, chiudiamo le scuole ma lasciamo aperti i centri sportivi (a discrezione?), così i ragazzi avranno modo di riversarsi negli SPOGLIATOI di palestre, campi da calcio e piscine, che com’è noto non sono i luoghi dove andare in caso di epidemie influenzali come quella del coronavirus…
La nazione, evidentemente, è fondata sullo sport, e sulle altre categorie che caratterizzano una società signorile di massa. Peccato per le norme, le regole di buon senso, la fermezza, la scientificità…

Resterà bloccata fino a domenica 8 marzo l’attività didattica delle scuole di ogni ordine e grado della Liguria e dei corsi di istruzione e formazione professionale. Lo ha deciso il presidente di Regione Giovanni Toti, dopo la riunione che si è tenuta oggi nella sede di Regione Liguria tra l’assessore alla Scuola e Formazione Ilaria Cavo, la Direzione dell’Ufficio Scolastico regionale della Liguria e rappresentanti di ANCI e della formazione professionale.