Published On: Lun, Lug 22nd, 2019

Cichero: ricordo dell’orrendo eccidio e dell’incendio del paese a opera delle SS naziste

A Cichero, paese della val Fontanabuona, nell’entroterra del Tigullio che diede il nome alla gloriosa divisione guidata da Aldo Gastaldi, nome di battaglia “Bisagno”, e da Giovanni Serbandini, nome di battaglia “Bini” si è tenuta la commemorazione dell’eccidio avvenuto il 17 luglio 1944 quando, dopo la spietata esecuzione di 7 giovani partigiani, le SS incendiarono tutte le case del borgo per punire gli abitanti, ritenuti colpevoli di fiancheggiare gli uomini della Resistenza

Alla Cerimonia, organizzata dal Comitato Permanente della Resistenza della Provincia di Genova, era presente ad accompagnare il Gonfalone della Città Metropolitana di Genova, il Consigliere Marco Conti.  Presenti anche le autorità di Regione Liguria col consigliere Claudio Muzio.
L’evento, dopo la Messa presso Cappella di Villa Grande con il successivo corteo alle lapidi dei caduti ed alla deposizione delle corone, ha visto il saluto di Giovanni Solari, sindaco di San Colombano Certenoli e l’orazione commemorativa di Laura Repetto, assessore del Comune di Busalla, nonché delegata del sindaco metropolitano alla memoria storica dell’ Ente.  
Cichero è paese decorato con la Croce di guerra al Valor militare.