Published On: Mar, Mar 10th, 2020

Cina, stop al Covid? In Corea solo 50 morti. Lì c’erano le mascherine. Distanza sicura: 4,5 m.

Ecco alcune informazioni forse utili per la vostra salute.
Le prime riguardano Cina e Corea del Sud. Questa mattina, in Cina ci sono stati solo 19 nuovi casi, solo due al di fuori della provincia di Wuhan. L’epidemia è quasi stata fermata.

In Corea del Sud oggi siamo a 54 decessi in Corea su 7500 casi, mentre ci sono ben 463 decessi in Italia con 9172 contagiati. Il numero di anziani nelle due nazioni è simile (aspettativa di vita in Corea del sud di 82,02 anni).
Anche in Corea il contagio sembra alla fine, forse grazie all’uso dell’aglio -potente disinfettante (vedi nota*)-, certamente grazie al loro alto grado di informatizzazione, grazie al quale hanno potuto tracciare tutti gli infetti, e così arrivare a chiudere subito le reti di allargamento del virus.

C’è infine un terzo fattore -decisivo a spiegare la facilità del contagio in Italia, e che spiega perché in Cina e Corea hanno quasi risolto il problema epidemico. La spiegazione in un articolo uscito su La Repubblica, che riporta due studi epidemiologici cinesi.
Noi NON AVEVAMO E NON ABBIAMO le mascherine, e ci siamo raccontati la balla che servivano solo ai malati. In Cina, Corea del Sud e altre nazioni le mascherine sono state più utilizzate e ce n’erano disponibili forse di più che da noi (non si trovano per esempio nel Regno Unito, ma immaginiamo che saranno disponibili a breve).
Senza andare in panico, ecco perché invece andrebbero usate, ecco quale dovrebbe essere la distanza di sicurezza, ed ecco perché coi week end di baccanali irresponsabili al mare, e coi rientri-fuga dal Nord al Sud -tutto ciò nel pieno del picco– ci siamo ritrovati con la necessità di un coprifuoco. Coprifuoco di fatto che evita la necessità delle mascherine (ma come mai lo Stato non si occupa di questo problema, al contrario di Francia e Germania? Ecco comunque i due studi scientifici:

“Il coronavirus potrebbe rimanere nell’aria per almeno trenta minuti e coprire una distanza di circa 4,5 metri in ambienti chiusi, come ad esempio un piccolo autobus, molto più di quelle di sicurezza di uno o due metri raccomandate dalle autorità sanitarie in varie parti del mondo. A sostenerlo uno studio di epidemiologi cinesi, pubblicato dalla rivista scientifica Practical Preventive Medicine e citato dal South China Morning Post, secondo cui il coronavirus, come già emerso nelle scorse settimane da altre ricerche, può rimanere per giorni sulle superfici, aumentando il rischio di contrarlo per chi le tocca. Va detto che i dati che emergono da quest’analisi hanno bisogno di ulteriori studi per essere verificati. I ricercatori cinesi segnalano che la permanenza sulle superfici è soggetta a fattori variabili, come il tipo di superficie e la temperatura: a 37 gradi centigradi, il virus può resistere fino a due o tre giorni, su vetro, metallo, plastica, carta e tessuti, spiegano gli epidemiologi della provincia dello Hunan dopo le indagini su un cluster di contagi. Secondo lo studio, poi, il coronavirus può sopravvivere più di cinque giorni nelle feci o nei liquidi corporei (attenti ai fazzoletti, ndr).

A essere a rischio contagio sono gli ambienti chiusi e piccoli. “Si può confermare che in un ambiente chiuso con aria condizionata, la distanza di trasmissione del nuovo coronavirus eccederà la comunemente riconosciuta distanza sicura”, scrivono gli studiosi guidati dall’epidemiologo Hu Shixiong, in una ricerca pubblicata dalla rivista scientifica Practical Preventive Medicine, prendendo come situazione di esempio quella di un autobus per dimostrare la permanenza del virus sul mezzo pubblico anche quando la persona contagiata è scesa. Lo studio ha esaminato un gruppo di casi risalenti al 22 gennaio scorso, pochi giorni prima dell’inizio del capodanno lunare e quando l’epidemia non era ancora riconosciuta come un’emergenza nazionale in Cina. Un passeggero che già avvertiva i sintomi della malattia, identificato come “A”, è salito su un autobus a lunga percorrenza di 48 posti al completo, sedendosi in penultima fila, senza mascherina per coprire il volto. In base alle immagini delle telecamere a circuito chiuso (obbligatorie in Cina) l’uomo non ha avuto interazioni con altri passeggeri durante tutto il viaggio, durato quattro ore. Il coronavirus ha però fatto in tempo a posarsi su sette altri passeggeri prima che A scendesse dal mezzo, secondo i risultati dei ricercatori, tra cui alcuni che stavano sei file più avanti del “paziente zero”, a una distanza stimata, appunto, in circa 4,5 metri.

Circa mezz’ora dopo la fine della corsa, un altro gruppo di persone è salito sull’autobus e uno di loro che non indossava la mascherina è rimasto contagiato, si pensa a causa di particelle inalate dal gruppo di passeggeri seduti in precedenza. Il paziente preso in considerazione è, invece, salito su un altro minibus contagiando, in un’ora, altre due persone, una delle quali si trovava a una distanza di circa 4,5 metri. In base allo studio, è infine emerso che nessuna delle persone che portavano una maschera per coprire il volto mentre viaggiavano assieme al paziente zero ha contratto il coronavirus. Nonostante rimangano ancora interrogativi aperti sullo studio – come per esempio il fatto che la persona seduta al fianco di A non abbia contratto il coronavirus, pur avendo l’esposizione più alta – la conclusione dei ricercatori è quella di indossare la mascherine quando si prendono i mezzi pubblici, comprese metropolitane e aerei, e “ridurre al minimo il contatto tra le mani e le aree pubbliche, ed evitare di toccare la faccia prima di averle pulite”.

(* Nota. Premettendo che non siamo scienziati, e che a oggi nessuna medicina è risolutiva contro il coronavirus alias covid-19, diciamo che potrebbe servire l’utilizzo di integratori basati su estratti di piante come echinacea (antivirale), rosa canina (vitamina C), uncaria (antinfiammatorio). Questi integratori si trovano in farmacia e parafarmacia e potrebbero servire a rinforzare le difese del corpo contro agenti esterni.
P.S. Il Tea tree oil è un micidiale disinfettante naturale. Sarebbe valido come un antibiotico e in più ha azione antivirale. E’ ottimo per la gola, con due gocce sotto il naso lo decongestiona (non ingerirlo, soprattutto se si soffre di gastrite).