Published On: Mer, Apr 3rd, 2013

Circolo La Pulce: moratoria sul caro affitti per salvare il commercio

Il Circolo della Pulce ha inviato un comunicato stampa, trasmesso anche ai consiglieri e agli amministratori del comune di Rapallo. Si tratta della questione della difficile sopravvivenza del commercio e dei commercianti a Rapallo a causa dei costi di affitto degli esercizi pubblici, modulati sulla Belle Epoque, e non certo sulla Grande Crisi (ovviamente, la cosa riguarda tutto il Tigullio e le grandi città, dove gli affitti dei negozi sono ugualmente cari). Il Direttivo del Circolo rileva che alcuni proprietari dei muri dei negozi hanno già accettato di seguire questo piano di salvaguardia del commercio, che tutela anche la proprietà. L’argomento era già stato sollevato dall’Ascom Rapallo circa due settimane fa.

Son troppi i messaggi e le confidenze che ogni giorno riceviamo per continuare ad attendere che siano le Istituzioni e la Politica a risolvere i problemi. Per questo il Circolo della Pulce vuol rendersi promotore di un’iniziativa di solidarietà volta a dare un concreto aiuto per cercare di superare insieme questo momento difficile, indirizzato soprattutto a chi lavora in proprio, tipologia di lavoro, che rappresenta a Rapallo il substrato su cui si regge tutta l’economia cittadina. Proponiamo quindi una moratoria alla locazione, di un periodo non inferiore ai 12 mesi, tempo indispensabile per permettere a molte attività di sopravvivere e cioè:

Per il periodo di un anno a partire da Aprile o comunque al più presto, i proprietari di immobili commerciali dovrebbero ridurre del 50% l’importo della locazione, tale differenza sarà poi spalmata nei 3 anni successivi (senza interessi) aumentandone sì le rate, ma in modo sostenibile. Siamo consapevoli che questo anno è e sarà il più duro per tutte le piccole attività e piccolissime aziende che ormai han dato fondo a tutti i risparmi, ma siamo anche fiduciosi che finito questo periodo ci sarà una, anche se cauta, ripresa. Tale iniziativa darebbe ossigeno a chi sta pensando seriamente di chiudere la propria attività e uno slancio positivo a reinventarsi, per attirare un maggior numero di clienti, adeguandosi alle nuove esigenze. Per questo chiediamo a gran voce al Sindaco e all’Assessore alle Politiche Sociali Salvatore Alongi , di diventare portavoce autorevole con i proprietari degli immobili commerciali affinchè aderiscano a questa soluzione. Al tempo stesso il Circolo della Pulce invita l’Amministrazione Comunale a cancellare i vantaggi IMU recentemente concessi, ripristinandoli solo a favore di quei proprietari che aderiscano all’iniziativa o che gestiscono direttamente l’attività nel proprio immobile e ad aumentare l’aliquota degli immobili sfitti. Il maggior introito per le casse comunali potrà essere destinato, per questo limitato periodo di emergenza, alla creazione di un fondo di equità, simile a quello già in vigore come aiuto alle famiglie in difficoltà, da destinarsi a quei commercianti che presentino i maggiori requisiti di necessità per la prosecuzione della loro attività.

Il Circolo della Pulce, dal canto suo, si impegna a darne la massima pubblicità , invitando non solo la stampa, ma anche le associazioni di categoria e della società civile, i partiti, l’amministrazione comunale e tutti i consiglieri, anche di minoranza, a dare la massima diffusione, in quanto lo spirito di questa proposta è del tutto trasversale.

I proprietari dei muri commerciali potranno aderire all’iniziativa anche sul sito www.EquaRapallo.it, creato appositamente allo scopo e che sarà operativo entro fine settimana, compilando il modulo di adesione e dando al tempo stesso il loro assenso, se vorranno, a che siano pubblicati i loro nomi quali esempio di solidarietà e di partecipazione al bene comune della nostra città con, speriamo noi, anche un effetto emulativo.

Inviteremo anche i cittadini non direttamente interessati ad accogliere e pubblicizzare all’interno delle loro conoscenze questa iniziativa, scrivendoci anche tutti i suggerimenti utili al suo successo.

La proposta del Circolo della Pulce, concreta e non velleitaria, è destinata al bene comune, e se i proprietari di immobili e l’amministrazione comunale daranno la loro adesione, Rapallo avrà una possibilità in più di superare questo momento difficile, ma facciamo in fretta, ogni mese che passa è fonte di dramma per molti.
Ricordiamoci che la solidarietà è un bene comune, ed è il principio su cui si basa una società civile votata al benessere e non al mero profitto individuale.
Ringraziando

Il Direttivo
Circolo della Pulce
Pulce consegna assegno beneficenza pro spese farmaceutiche

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>