Published On: Gio, Mar 1st, 2012

Colmata a mare anche a Montecarlo, come a Chiavari

Share This
Tags

Monaco, palazzo del Principe

Rispetto al progetto della Colmata, su cui a Chiavari sono d’accordo le diverse forze politiche e i due principali candidati, Levaggi  (Pdl e liste collegate -vedi intervista di Tigullio news) e Viarengo (Pd e liste collegate -vedi intervista di Tigullio news), quello di Montecarlo appare più “immobiliarista” e speculativo.

Dopo lo stop al progetto iniziale, il Principato di Monaco riprende l’idea di realizzare un’estensione del quartiere di Fontvieille sul mare. A Fontveille arriva già la condotta sotterranea del depuratore di Monaco.
Il governo ha lanciato un’indagine conosciuta tra i diversi tipi di fornitori di servizi per l’infrastruttura (ingegneri, architetti, paesaggisti, oltre alle imprese di costruzioni). L’area della colmata sarà tra i 5 e i 9 ettari.

Non si tratta di poco. Si tratta di porre le fondazioni a 50 metri di profondità e di creare 350.000 m² di cemento (e spazi verdi). E’ in piccolo qualcosa di simile all’isola delle palme di Dubai, con palazzi esclusivi, edifici di proprietà del governo e spazi commerciali. Anche a Montecarlo quindi, come negli Emirati, si corre la Formula Uno, inclusa l’edilizia.
Gli studi preliminari sono per il 2013.

Fontvieille si trova dalla parte opposta al Palazzo del principe e de centro, lungo la penisola del Rocher.
Il progetto abbandonato riguardava 10 ettari con 5 o 10 miliardi di spesa e architetti di grido come Daniel Libeskind e Norman Foster.
L’idea attuale è meno costosa e più “ecolo”, secondo i commentatori.
In effetti, se il mercato immobiliare è fermo in tutta Europa, non lo è affatto il segmento dell’immobiliare di alto livello e vista mare.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>