Published On: Ven, Feb 3rd, 2017

Come previsto, l’assemblea dei sindaci approva i due depuratori

L’assemblea dei sindaci dell’Ato Acqua, riunita presso la sede di Città metropolitana ha dato il via libera unanime ai due impianti separati per le valli Entella e Petronio. Prossimo passo una delibera del consiglio metropolitano. Un problema resta: la lentezza della nostra burocrazia.

Recco Imp-depurazione-Galleria A -OssidazioneNel Tigullio centro-orientale vi saranno quindi due depuratori separati, uno a Chiavari-Lido da 140.000 abitanti equivalenti per la valle dell’Entella e uno a Sestri Levante-Ramaia da 70.000 abitanti equivalenti per la val Petronio, anziché un unico impianto comprensoriale alla Colmata di Chiavari come deciso a maggioranza nel settembre 2015 dalla stessa Ato Acqua, in una concitata assemblea che vide una spaccatura fra favorevoli e contrari. Si supera così la forte opposizione al progetto di depuratore unico che nell’ultimo anno e mezzo è stata condotta in particolare dal sindaco di Chiavari Roberto Levaggi, che non intendeva ospitare sulla Colmata, area cittadina ritenuta molto pregiata, un grande depuratore comprensoriale da 210.000 abitanti equivalenti al servizio anche di aree che, a differenza di Chiavari, sono sempre state sprovviste di impianti di depurazione adeguati. E’ stato proprio Levaggi, qualche mese fa, ad avanzare l’ipotesi dei due depuratori separati, proponendo l’area del Lido.

Incassato il via libera unanime dell’assemblea Ato, Enrico Pignone, consigliere delegato all’ambiente di Città metropolitana, provvederà a predisporre una delibera che sarà poi votata dal consiglio metropolitano e darà così formalmente il via alle procedure per arrivare alla costruzione dei due impianti.