Published On: Gio, Gen 28th, 2016

Comune di Casarza: nuove polemiche sull’inquinamento della falda acquifera

M5S, Partito Democratico e Casarza Futura -in opposizione alla Giunta comunale di Casarza ligure, criticano duramente la gestione della crisi  idrica estiva da parte dell’amministrazione comunale.

La crisi è nata con lo sversamento di 11.000 litri di inquinante con MTBE su un terreno comunale. La sostanza si diffuse poi nella falda acquifera che serviva l’acquedotto comunale.

Lo “scandalo” non si diffuse subito, per diversi motivi. Resta comunque grave il fatto che nei rubinetti domestici si è bevuta acqua al sapore di benzina e dannosa per la salute. Si è anche parlato di class action, come forse avverrà negli Stati Uniti, dove persino l’Onu è intervenuta “per violazione dei diritti umani” dopo l’inquinamento da piombo in una zona del Michigan.

In Italia non si parla di class action, forse per debolezza della società civile (abituata a urlare e imprecare ma non ad agire concretamente), forse perché ogni class action sarebbe pagata dagli stessi cittadini, perché le controparti sono Enti “pubblici” e non aziende private come avviene in nazioni a mercato libero, dove la presenza statale e politica con Società partecipate etc. è meno soffocante e -di fatto- antidemocratica.

Di recente si è saputo che l’inquinamento è scaturito da 11.000 e non da “soltanto” 300 litri di inquinanti. Il che cambia le carte in tavola. Il Comune ha diffuso un comunicato in cui ribadisce che la gestione della crisi non era di sua competenza e che comunque la Giunta ha fatto tutto ciò che doveva fare per la salute della cittadinanza.

Al contrario, i consiglieri Maria Cristina Barzacchi, Federico Obertello, Andrea Telchime sottolineano le responsabilità del Comune di Casarza ligure e il silenzio sull’avvenuto distacco dei filtri che ripulivano l’acqua “potabile” comunale. Distacco avvenuto circa 10 giorni fa:

“Questa estate l’amministrazione ha taciuto per 50 giorni sul fatto che fossero in corso analisi per ricercare i componenti della benzina nell’acqua, oggi tace sul fatto che sono stati staccati i filtri nonostante i lavori per il bypass da Sestri Levante non siano neppure iniziati e tace pure sulla notizia che i litri di carburante sversati erano 11mila e non solo 300”.

Comune di Casarza ligure

Comune di Casarza ligure

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>