Published On: Mar, Dic 10th, 2013

Comune di Rapallo: commenti dopo la lite tra Bagnasco e il sindaco Costa

“Voto negato”. Multe per inquinamento che praticamente non si faranno (riguarderanno solo i veicoli Euro 1 in transito nel centro). Ma soprattutto un clima duro e litigioso tra le componenti politiche della città, che non serve a nessuno, ed è anzi dannoso.

Scrive il direttivo del Circolo della Pulce “Purtroppo non è una cosa nuova il clima intimidatorio che questa Amministrazione sta cercando di instaurare in città, ma siamo, anzi vogliamo ancora sorprenderci davanti a fatti come quelli riportati dal consigliere Bagnasco circa la registrazione della telefonata. La minimizzazione del Sindaco (“era una finta”) la troviamo ancora più grave e desolante del fatto stesso. Sono di poco tempo fa le dichiarazioni di un consigliere di maggioranza che si vantava di aver visionato le registrazioni delle telecamere di sicurezza e ora il Sindaco dice di registrare le telefonate, atti contrari alla libertà personale dei cittadini o comunque millanterie volte a creare intimidazione verso i cittadini e verso i loro rappresentati politici.”

Critiche anche per le modalità del controllo delle firme raccolte contro lo stop ai veicoli. Inoltre “Il Sindaco nega di aver mai firmato la petizione a favore del senso unico sulla strada per S.ta Margherita, petizione organizzata dal suo gruppo politico in grande stile e con grande spiegamento di forze durante la campagna elettorale che portò alla sua elezione. Quindi quella petizione cosa fu? Un’iniziativa isolata all’interno del Circolo di via della Libertà 61 non approvata dal Sindaco? Eppure ci ricordiamo bene attuali assessori e consiglieri molto attivi nel fermare i passanti per chiedere una firma

Ma ciò che veramente ci sconcerta è il fatto che il primo cittadino rapallese giustifichi l’adozione dell’ordinanza come un atto dovuto su indicazione della Provincia. La salute dei cittadini ci pare uno dei temi amministrativi più importanti e il Sindaco non difende nemmeno la sua ordinanza presa proprio in questa direzione, scaricandone la responsabilità sugli Enti sovraordinati. Ma allora la figura del sindaco cos’è, quella di un passacarte? L’Amministrazione conosce le problematiche della città? Ha idea di come risolverle?

… Passate settimane dall’annuncio dell’ordinanza il giorno di entrata in vigore non sono stati installati i cartelli che ne danno avviso agli automobilisti, vanificandone l’efficacia. Ciò è dovuto a incapacità organizzativa o c’è dietro la volontà di mantenere la forma ma non la sostanza?”

bandiere a mezzasta a rapallo

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>