Published On: Dom, Lug 21st, 2019

Comune di Sestri condannato a pagare 2,5 milioni di indennizzo per il depuratore

Quando nell’autunno 1978 ci fu una storica assemblea pubblica sul depuratore di Portobello a Sestri levante, realizzato con un esproprio ai danni dell’avvocato Foppiano di Genova, proprietario di una villa vicina e del terreno su cui poi fu realizzato l’impianto, l’avv. Foppiano fu accolto da una serie di fischi.
L’impianto fu realizzato, ma l’avvocato non mollò il colpo, anche perché l’impianto emetteva cattivi odori, sia nella baia sia nella vicina villa.

Adesso, dopo 40 anni, è arrivata la sentenza di primo grado del Tribunale di Genova. Risultato: 2,5 milioni di indennizzo alla famiglia Foppiano, il terreno rimarrà proprietà dell’Amministrazione.
Il Comune ricorrerà in Appello, e il denaro era comunque già stato accantonato, dopo una delibera (2004) per un accordo di transazione in seguito non perfezionato. Pertanto non dovrebbero esserci problemi per il Bilancio.

Per fortuna, è vicina (inizio del cantiere in autunno) la realizzazione di un nuovo impianto in zona Fossalupara “Ramaia”, che dovrà avere caratteristiche tecnologiche decisamente migliori, come conferma la sindaca Ghio (anche in questo caso ci sono però state contestazioni ed è previsto un esproprio).

Aree del depuratore di Portobello