Published On: Lun, Mag 15th, 2017

Confesercenti e il mercato elettronico della P.A.: «Opportunità per le piccole e micro imprese del territorio»

Da Confesercenti Tigullio riceviamo il seguente comunicato:

Venerdì 12 maggio a Chiavari si è tenuto il convegno “Il mercato elettronico della P.A: un obbligo per le amministrazioni, un’opportunità per le imprese, un vantaggio per tutti” organizzato dalla Camera di Commercio di Genova e dalla Consip, la centrale acquisti della pubblica amministrazione italiana.

All’incontro ha partecipato, in veste di coordinatore di Confesercenti TigullioEnrico Castagnone, che ha illustrato il progetto “Sportelli in Rete” per la diffusione del mercato elettronico della P.A. (Mepa) presso le imprese: «L’evento di venerdì si inserisce sul solco dell’analogo convegno realizzato a Genova nel mese di marzo: anche nell’era di internet, infatti, la prossimità resta un valore e abbiamo ritenuto importante sensibilizzare anche le imprese del Tigullio rispetto alle caratteristiche e ai vantaggi del Mepa».

«D’altra parte – riflette Castagnone – sono propri i dati sul Mepa illustrati nel corso del convengo e relativi al primo trimestre del 2017, a dirci in maniera plastica che per le aziende della Liguria c’è ancora molta strada da fare, sia in termini di iscrizioni che di fatturato. Da questo punto di vista desideriamo ringraziare sentitamente per il prezioso supporto nell’opera di informazione delle imprese la Camera di Commercio, ed in particolare il dirigente Roberto Raffaele Addamo, nonché la Consip nella persona della dottoressa Minerva, che si è resa disponibile ad organizzare questo ulteriore evento nel Tigullio, e la Società economica di Chiavari per l’ospitalità data al convegno».

«Confesercenti ritiene che il Mepa rappresenti un’opportunita concreta e realmente alla portata delle piccole e micro imprese alle quali la nostra associazione fornisce ogni tipo di supporto e informazione. Un’opera di informazione, quella resa sul territorio dalle associazioni di categoria in materia di informatizzazione e digitalizzazione, che riteniamo dovrebbe essere organizzata a livello centrale dalle amministrazioni nazionali in favore di quelle locali. Capiamo, infatti, le difficoltà che spesso incontrano i funzionari comunali, non a caso intervenuti numerosi al convegno di venerdì».

«Serve dunque – conclude Castagnone – uno sforzo coordinato da parte di tutti i soggetti coinvolti, per un’efficace diffusione delle informazioni relative al Mepa e ai temi correlati. Una partita rispetto alla quale Confesercenti è pronta a fare la propria parte, impegnandosi a dare la massima diffusione alle comunicazioni che la Consip vorrà trasmettere al territorio genovese e ligure».

Enrico Castagnone