Published On: Mer, Ott 7th, 2015

Consiglio Comunale di Chiavari straordinario sul depuratore, all’Auditorium di San Francesco sabato 10 ottobre alle 12

Il tema del depuratore comprensoriale di Chiavari, è centrale per Chiavari e per tutto il Tigullio. Sull’opera è in atto un profondo scontro politico e istituzionale (non diciamo anche il termine “affaristico”, ma di sicuro un’opera simile muove ingenti capitali, quale sia la sua ubicazione).

Il Sindaco Levaggi, che oggi diserterà il Consiglio Metropolitano di Genova, ha convocato un Consiglio comunale straordinario sul tema, come richiesto da parte delle opposizioni e dalla stessa maggioranza.
Per permettere la partecipazione di una ampia parte della cittadinanza, il Consiglio si terrà all’Auditorium di San Francesco, sabato 10 ottobre alle ore 12.

Anche il Comitato per il contratto di fiume per l’Entella aderisce al Comitato contro il depuratore comprensoriale, costituitosi, ieri 6 ottobre 2015 presso la sala consigliare del Comune di Chiavari. Domani sera alle 21, all’Auditorium di San Francesco, incontro pubblico in preparazione all’Assemblea pubblica consiliare di sabato 10.

“Il gruppo del Contratto di fiume, avversa da tre anni il progetto di costruzione del “depuratore unico”, ribadendo che l’unica soluzione accettabile sia la realizzazione di due distinti “depuratori di vallata” uno per la Val Petronio e uno per la Valle dell’Entella, scongiurando in tal modo la costruzione della mega condotta fognaria di collegamento fra Sestri Levante e Lavagna la quale, oltre a essere fonte di enormi sprechi di risorse energetiche e finanziarie, caricate sulle bollette dei cittadini, mette a rischio la qualità del nostro mare e l’attività lavorativa di innumerevoli categorie che traggono il loro sostentamento dall’attività nel campo del turismo. Resta un mistero il fatto che scelte dettate esclusivamente dall’uso del buon senso siano così pervicacemente contrastate da chi esercita la gestione della “cosa pubblica”

Considerando che la Regione Liguria dovrà ratificare in tempi brevissimi la scellerata decisione presa dall’Assemblea dei Sindaci, si ritiene necessaria una massiccia mobilitazione dei cittadini che invitiamo quindi a partecipare all’ASSEMBLEA PUBBLICA convocata dal Sindaco di Chiavari.”

Chiavari ha bisogno di vincere almeno una battaglia contro le diverse imposizioni che sono arrivate dallo Stato e da altri enti centralisti: il tribunale, gli uffici IAT, gli uffici del Registro, forse quello del catasto e delle Entrate, e ora l’obbligo di accettare la Santa Inquisizione del depuratore comprensoriale nella Colmata.
no depuratore unico

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>