Published On: Mer, Nov 20th, 2013

Continua lo sciopero AMT, AMIU e Aster a Genova, presidio sotto la Regione

Aggiornamento sullo sciopero AMT e delle altre aziende partecipate (circa 20 in totale) del Comune di Genova (qui si è sempre sostenuto che gli Enti e gli Stati non possono fare business, per logica democratica e per logica economica: sono sempre imprese destinate al disastro (escluse le attività di monopolio e ad alto reddito come il militare e l’ENI).

Una delegazione è entrata da piazza de Ferrari, dove c’è un presidio permanente, in Regione allo scopo di incontrare l’assessore ai Trasporti Enrico Vesco.
Bloccati anche i caselli autostradali di Genova Ovest e Genova Est (solo per alcuni minuti).

Due cortei si sono mossi verso il centro città. Niente bus e traffico in tilt.

Lo slogan e la motivazione dello sciopero sono sbagliati nella logica, come abbiamo già scritto più volte:

Motivo dello sciopero: i dipendenti sono contrari alla privatizzazione.
Dovrebbero scioperare per l’esatto contrario: perché non si prolunghi più oltre l’agonia della loro azienda, causata dalla lunghissima ed eterna “mano pubblica”. La “mano pubblica” garantisce posti di lavoro a ufo, denaro anche se non ci sono ricavi, fancazzismo. Ma alla lunga garantisce anche il collasso delle aziende così gestite.

sciopero_bus2

Displaying 1 Comments
Have Your Say
  1. cippalippa ha detto:

    aspettiamo i pezzi da 90 del PD che rappresentano la classe operaia!!! Renzi dove sei?? opsssss….. Renzi ha giocato d’anticipo ed è rimasto a casina sua a scrivere caxxate su twitter!!

    Ci mandi Massucco in tua vece??

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>