Published On: Sab, Dic 31st, 2016

Corteo contro il traffico a Sestri Levante. La scelta migliore per noi è…

Si è svolto questa mattina a Sestri Levante un corteo contro le modifiche al traffico dovute all’allargamento del parco Mandela. Partito dalla zona “critica” della rotonda di via Baden Powell vicino alla Coop, il corteo si è concluso davanti alla sede municipale di piazza Matteotti, che per l’occasione aveva chiuso il portone. Fischietti e slogan (noi avremmo evitato di battere sul portone di ingresso). Nonostante i partecipanti fossero un centinaio, la manifestazione si può dire riuscita, se si pensa che non se ne fanno più nemmeno nelle metropoli più grandi italiane e non: a Roma 10 anni fa era considerato un successo una partecipazione di 30 persone a un qualsiasi evento, magari con happy hour finale… Sestri è sempre stata differente, mugugnona, partecipativa. Aspetti a volte positivi, a volte negativi (la partecipazione è sempre posititiva). Valentina Ghio, sindaco di Sestri, era stata invitata a scendere in piazza, ma non era quello il contesto più adatto. Un confronto sulla base di dati, con tecnici a sostegno delle diverse idee, di rappresentanti dell’Amministrazione e di tutti gli oppositori (singoli gruppi hanno avuto udienza, ma qui parliamo di un incontro in una sede terza e con una base tecnico-scientifica, non di uno stillicidio di opinioni diverse) potrebbe porre la questione non nel solito modo guelfi-ghibellini, bianchi o neri, ma non sarà facile. L’impressione è che la cosa non finisca qui, e che sia difficile sospendere, almeno per una volta, l’uso della spada per impugnare le orecchie (prima ascoltare) e le labbra (poi parlare). Servono coraggio e spirito democratico: le idee e le proposte migliori avranno comunque una buona probabilità di successo, al di là di tutto. Si spera… Viceversa le cose non si risolveranno. (Quindi prima aprirsi all’idea di un confronto organizzato, e solo dopo pensare a uno scontro politico e/o legale): questo secondo noi è il miglior codice di comportamento per le due parti, quando vi sono opinioni diverse su un tema.