Published On: Mar, Giu 24th, 2014

Cosa è un E-book e perché conviene avere una biblioteca digitale insieme a quella cartacea

Si sente parlare sempre più spesso di e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell’editoria. Sono stati organizzati convegni, si sono versati fiumi di inchiostro, ma nello stesso tempo si è diffusa molta confusione. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza: che cos’è esattamente un e-book?

L’e-book è un libro in formato digitale, cioè un file che contiene il testo del libro (e non solo) e che può essere letto su supporti di vario tipo e che ha come caratteristica fondamentale quella di adattarsi allo schermo di lettura.

Esiste una tipologia di supporti nata appositamente per la lettura di libri digitali: l’e-reader. Stiamo parlando di dispositivi elettronici  poco costosi e molto comodi per la vista come il Kindle, il Kobo etc., che permettono di caricare un gran numero di libri digitali e utilizzano la tecnologia e-ink, la quale garantisce una facilità di lettura simile alla carta. In questo modo si stanca meno la vista e vengono messe a disposizione molte funzioni in più rispetto alla carta. Tuttavia gli e-book possono essere letti anche con altri strumenti, quali computer, smartphone e, soprattutto, tablet.

Per quanto riguarda i formati dei libri digitali, i più diffusi sono l’ePub e il mobi. Spesso si trovano anche in formato pdf, ma non è tecnicamente corretto chiamarli e-book, in quanto mancano di duttilità. Per fare un esempio pratico, se un testo è pensato per un foglio in formato A4, con impaginazione fissa, e viene letto con un lettore con uno schermo più piccolo, la lettura sarà disagevole.

Quali sono le differenze? L’ePub è sicuramente il formato più diffuso. La sua caratteristica, come detto, è di adattarsi allo schermo in cui viene visualizzato mostrando solo la quantità di testo che può contenere. Permette di ingrandire o rimpicciolire i caratteri, di variare i margini, l’interlinea, insomma, di personalizzare la lettura secondo le proprie esigenze e preferenze. In più, l’ePub è uno standard: lo si può leggere su qualunque e-reader in grado di interpretarlo (praticamente tutti), ritrovando la stessa esperienza di lettura. Il mobi è il formato caratteristico di Amazon. Ha le stesse caratteristiche tecniche di un ePub, ma può essere letto solamente se si possiede un Kindle, l’e-reader di proprietà Amazon, o la rispettiva app su tablet, pc o smartphone.

Passiamo all’ultima questione: dove si comprano gli e-book?
Nel mondo anglosassone, il principale distributore è il colosso Amazon, seguito da altri come Barnes&Noble e Apple. Si tratta di negozi online che accorpano all’interno dello stesso sito la funzione di magazzino e di vendita. In Italia la situazione è diversa, in quanto esistono piattaforme di vendita e piattaforme di distribuzione, dove le prime si riforniscono dalle seconde. La maggior piattaforma di vendita italiana è Ibs, mentre le piattaforme di distribuzione sono attualmente quattro: Stealth (di Simplicissimus Bookfarm), Bookrepublic, Biblet (di Telecom Italia) ed Edigita.

Le piattaforme di vendita sono siti e-commerce in cui si possono acquistare libri in formato elettronico: si entra, si dà un’occhiata alle novità, ai titoli in classifica, oppure si sceglie tra le proposte, magari lasciandosi guidare dalle recensioni degli altri lettori. Si aggiungono i libri scelti nel carrello, si paga e si riceve un’email con i libri acquistati.

Molti editori tradizionali, ma anche molti librai, autori e lettori preferiscono ancora il “profumo della carta”. Ma la verità è che i libri di carta e gli e-book possono convivere. L’esperienza di lettura cambia perché rispondono a esigenze diverse: con l’e-book è semplice conservare le annotazioni, condividere i passi più interessanti in rete e cercare qualunque parola contenuta nel testo. E come sulla carta si può segnare il proprio cammino all’interno del testo aggiungendo dei segnalibri. Inoltre, grazie alla leggerezza dei supporti, possiamo avere sempre in borsa o nello zaino tutta la nostra biblioteca digitale.
kymaera edizioni

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>