Published On: Ven, Giu 13th, 2014

Cosa leggere quest’estate?

Il calendario dice che l’estate è alle porte. Il caldo vento africano dice che l’estate è già arrivata. Le scuole sono finite e la tv comincia a riproporre i soliti ben noti palinsesti. Comunque sia, è iniziato il periodo dei bagni in mare, delle granite in spiaggia, delle passeggiate sul bagnasciuga e delle letture sotto l’ombrellone! Infatti leggere fa bene alla salute, oltre che all’intelligenza e, unito alla sana attività fisica del nuoto o del trekking, è una splendida cura per tutti. Rispetto al cinema e alla tv, leggere infatti dà al lettore il modo di farsi delle immagini mentali specchio, di creare sinapsi, di crescere.

Ma cosa leggono gli italiani quando ogni pensiero è lasciato nella cabina di uno stabilimento balneare? Una cosa è certa: in estate abbiamo bisogno di letture scorrevoli, leggere e, se possibile, brevi. Non abbiamo a disposizione tutta quella concentrazione che invece ci pervade d’inverno, sotto le coperte, forse per il caldo asfissiante, forse per colpa del vicino di ombrellone un po’ troppo loquace. L’estate quindi non tutti possono o vogliono leggere Flaubert o Tolstoj. Molti hanno infine già letto e straletto il pur bravo Camilleri o autori alla moda come Cormack McCarthy (“Non è un Paese per vecchi” etc.) e John Lansdale.

Perciò, quali sono i generi più ambiti sotto il solleone?

Intramontabile e unisex è il buon vecchio “giallo”, troppo spesso confuso con i thriller di nuova generazione, tra i quali comunque non vanno disprezzati gli autori dell’hard boiled italiano: Lucarelli, Carlotto, Fois. Vi ricordate le meravigliose inchieste che ci facevano, per qualche ora, mettere nei panni di Sherlock Holmes, di Miss Marple o dell’intelligentissimo Hercule Poirot? Grazie al cielo (diciamo noi) continuano a vendere come best seller: ingegnosi, arguti, leggeri, ricchi di suspense e di colpi di scena. Ottimi con una buon thé freddo accanto!
A questi vale la pena di aggiungere (se si ha la fortuna di poterli recuperare via e-bay o in libreria) tutti i gialli umoristici di Donald E. Westlake, un grande scrittore del genere, che ha sfornato una decina di capolavori della serie “Gli ineffabili cinque”, oltre al capolavoro La danza degli aztechi. Da spulciare e leggere, visto che i molti film tratti dalle sue opere non valgono un’oncia del suo inimitabile stile.

Sul podio dei generi più “estivi” troviamo la così detta “chick lit”, espressione derivata dallo slang americano che indica quel tipo di letteratura (literature) rivolto principalmente a giovani donne, possibilmente single, e in carriera (chicken, pollastrella). Fanno parte di questo genere i romanzi di Sophie Kinsella (la scrittrice di I love shopping, per intenderci), di Candace Bushnell (da cui è tratta la serie Sex and the city), di Federica Bosco (Mi piaci da morire e sequel) e della tigullina di Sestri Levante Tiziana Merani (Devo comprarmi un mastino, Amori a progetto, Se son rose). Solo per citare le più note.

L’estate è il periodo dell’anno in cui anche i ragazzi leggono di più: sarà perché “obbligati” dai compiti estivi o per vera passione, sta di fatto che fantasy (da Harry Potter a Le cronache di Narnia), classici dell’avventura (da Il giro del mondo in 80 giorni a Ventimila leghe sotto i mari), Piccoli brividi e Violetta sono tra i più richiesti nelle nostre librerie.

E poi ci sono tutti quei generi, per così dire, da vacanza: cucina, fai da te, viaggi e turismo, arte, musica e fotografia. Sempre attuali, sempre richiesti, soprattutto nei periodi in cui si ha più tempo da dedicare alle nostre passioni e ai nostri hobby.

Tutte le statistiche vedono quello italiano come un popolo che legge poco, a cui non piace spendere troppo per i libri, che preferisce vedere il film che sfogliare le pagine da cui è tratto. Sono solo numeri. Noi ci fidiamo di più dei nostri occhi, di quando guardano dentro una libreria e la vedono abitata da quei strani esseri che sono i lettori. E ne gioiamo, soprattutto se sono famiglie con bambini. Il nostro futuro. Detto questo, buone letture!
(Testo inviatoci da Kymaera edizioni)
kymaera edizioni

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>