Published On: Lun, Gen 30th, 2012

Costa e Capurro tra continuità e coesione

Armando Ezio Capurro

RAPALLO. Il consigliere Armando Ezio Capurro apre una nuova settimana di politica rapallese con due interpellanze mentre il Circolo della Liberta 61 designa Giorgio Costa suo successore.

Sinergia inevitabile quella auspicata tra Capurro e Giorgio Costa, uomo chiave del Circolo fondato dallo stesso consigliere regionale. Il presidente Maurizio Vetrugno sottolinea attraverso un comunicato stampa che “il Circolo della Libertà 61, impegnato a sostenere il candidato sindaco Giorgio Costa, ritiene indispensabile, alla vigilia dell’importante tornata elettorale, il fattivo apporto del consigliere regionale Armando Ezio Capurro” e che con Costa intende garantire continuità ad “un nuovo metodo di amministrare, senza condizionamenti, nel quale si riconoscono migliaia di elettori” riprendendo così “quel cammino bruscamente interrotto con l’avvento di Campodonico”.

Vetrugno ha proseguito affermando che “l’impegno profuso da Capurro in consiglio comunale è sotto gli occhi di tutti, ha permesso ai cittadini di conoscere e in molti casi, grazie ai suoi interventi porre rimedio alle scelte errate dell’attuale amministrazione. Abbiamo dimostrato nell’interesse della città, quanto importante è stato il nostro contributo; basti pensare alla battaglia intrapresa da Capurro e dal Circolo per quanto riguarda le “sale videolottery”.

VLT di Via Gorizia. Ed è incentrata sul tema delle videolottery la nuova interrogazione di Capurro inviata agli organi di polizia. Secondo quanto risposto dal Comune di Rapallo ad una precedente richiesta di apertura in Via Mameli, è necessario reperire un parcheggio pertinenziale pari ad almeno il 50% della superficie agibile dei locali e comunque non inferiore a 50 metri quadrati. Il consigliere Capurro ravvisa che “la stessa normativa comunale di via Mameli si applica anche in via Gorizia” pertanto, dopo l’autorizzazione del 13 gennaio da parte del Commissariato all’apertura di una nuova sala giochi in Via Gorizia, ha richiesto ufficialmente informazioni circa lo stato della pratica ed eventuali comunicazioni sui parcheggi, al richiedente, da parte del Comune.

Pagamento extra costi Amiu. Con una seconda interpellanza Capurro ha infine risollevato l’attenzione su una pratica risalente al 2010. La società Amiu, che gestiva il servizio di raccolta rifiuti sul territorio rapallese fino al 31 novembre 2010, nel suo ultimo mese di servizio avrebbe richiesto al Comune il pagamento della cifra di 888.837,20 euro più iva di cui non viene tuttavia fatta menzione nei bilanci dal 2009 ad oggi – denuncia Capurro. Il tema torna ad essere di attualità visto che nei prossimi giorni verrà esaminato in consiglio il bilancio preventivo 2012.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>