Published On: Gio, Mar 19th, 2020

CoVid-19, buone notizie dai dati dei Paesi caldi? Ma quando si potrà abbracciare qualcuno?

Buone notizie non provengono dall’Italia: oggi giovedi 19 marzo 2020 supereremo la Cina per numero di morti (primo Paese al mondo per numero di decessi da Coronavirus alias Covid-19 o SARS CoV-2)
Abbiamo individuato però solo la metà dei positivi tracciati in Cina, da noi sono di più, perché noi non abbiamo utilizzato il tracciamento informatico, né le mascherine né il blocco immediato delle regioni più colpite -come la Lombardia, un caso esplosivo all’interno di tutta Italia
La buona notizia proviene –FORSE– da uno studio sulla crescita dei casi nel mondo, facendo attenzione ai Paesi a sud dell’equatore. Nel link si noterà che in Sud America, Sud Africa, Australia, Indonesia e in generale là dove adesso è ancora estate, il virus non ha attecchito se non in piccoli hotspot (dovuti a viaggiatori di ritorno) per totali in media inferiori ai 700 casi per nazione.
Ciò potrebbe significare che in effetti il caldo potrebbe rallentare alquanto la vitalità del malefico SARS-CoV-2, alias coronavirus alias Covid-19… E siccome le temperature cominciano a crescere…
Speriamo inoltre che tra 7 o 10 giorni la crescita epidemiologica cominci a rallentare per effetto della quarantena di massa, portandoci finalmente a vedere la luce in fondo al tunnel…

Mi dicono tuttavia che per poter riabbracciare il/la fidanzato/a, un parente o un conoscente incontrato in istrada, ci vorranno -con molta fortuna- non meno di 5 mesi.