Published On: Mer, Set 30th, 2015

Cristoforo Colombo era genovese e della Fontanabuona

OTTOBRE COLOMBIANO 2015 IN FONTANABUONA Tradizionale iniziativa per ricordare le origini degli Avi di Colombo e raccogliere testimonianze sull’emigrazione nelle Americhe

         La Civica Biblioteca “Lascito Cuneo” di Calvari, d’intesa con i Comuni di San Colombano Certenoli e Moconesi, sta organizzando la tradizionale iniziativa dell’Ottobre Colombiano in Fontanabuona con un programma articolato in due parti:  un premio per la Giornata di Colombo 2015 riservato agli alunni delle cinque classi delle Scuole Primarie e delle Scuole Materne e d’Infanzia della vallata la cui premiazione sarà fatta la mattina di lunedì 12 ottobre a Terrarossa di Moconesi in occasione della celebrazione che ricorda la scoperta dell’America; un premio riservato alle scuole superiori della Fontanabuona e di Carasco, nonché agli istituti “Marsano” di San Colombano e “Marco Polo” di Calvari, con esposizione degli elaborati e premiazione dei partecipanti il 7 novembre presso il Lascito Cuneo.

In base a quanto scrive l’ammiraglio turco Piri Reis sulla sua mappa del 1513, uno dei suoi riferimenti fu la così detta “Mappa di Colombo” usata nel 1492 e forse aggiornata in seguito alla scoperta dagli spagnoli (la mappa di Colombo era stata razziata dai turchi al largo di Valencia).
Tra l’altro la testimonianza scritta di Piri Reis è una conferma tanto netta quanto dimenticata della “genovesità” di Colombo. Infatti Reis scrive “…Amma şöyle rivayet ederler kim Cinevizden bir kâfir adına Qolōnbō derler imiş, bu yerleri ol bulmuştur”, il che si traduce con: “Si racconta che un infedele di Genova di nome Colombo abbia scoperto questi paraggi …”. Qolōnbō, non Colòn, cioé genovese e non spagnolo.

Per il primo concorso, che intende contribuire a conservare la memoria dell’origine fontanina degli avi del grande navigatore genovese,  dovrà essere trattato l’argomento “Cristoforo Colombo: il personaggio, la vita, la grande scoperta” realizzando lavori di classe con la tecnica ritenuta più opportuna e adeguata all’età dei ragazzi. Termine di consegna venerdì 9 ottobre.

Il concorso riservato alle Scuole Secondarie di 1° grado di  Gattorna, Cicagna e Carasco nonché all‘Istituto Agrario Marsano e all’Istituto Alberghiero Marco Polo per gli allievi delle rispettive sezioni presenti in vallata, ha un tema più impegnativo:

I fenomeni migratori: l’emigrazione dalle valli dell’entroterra verso le Americhe vista attraverso le lettere degli emigranti o il racconto di chi è ritornato;  l’emigrazione dai Paesi in guerra verso l’Europa vista attraverso le informazioni e le immagini dei media”.

L’argomento potrà essere trattato in maniera unitaria raffrontando le due situazioni oppure, a scelta,  potrà essere sviluppato uno dei due argomenti.  I lavori potranno essere individuali o di gruppo. Per la prima parte, che per la Fontanabuona rappresenta una importante ma poco nota pagina di storia,  gli alunni potranno realizzare elaborati attraverso la riproduzione, l’analisi e il commento di vecchie lettere o fotografie ritrovate nei cassetti di casa oppure con interviste a familiari o ad emigranti di ritorno.   Un tema, questo, che offre la possibilità di conoscere aspetti ignorati della vita di chi  lasciava il paese natale e gli affetti familiari per realizzare al di là dell’oceano il sogno di una vita migliore.

Per la seconda parte, che intende richiamare l’attenzione su un fenomeno d’attualità che sta interessando l’intera Europa, i ragazzi dovranno dimostrare di averne preso coscienza e di saperne valutare la portata, gli sviluppi e le conseguenze. Questo tema, che non poteva essere ignorato data la sua rilevanza, potrà essere trattato a parte qualora, in alternativa, non venga scelto il tema dell’emigrazione “storica” verso le Americhe o non si preferisca trattare i due temi congiuntamente.

Va detto, a proposito dell’emigrazione verso le Americhe, che il Centro di Documentazione del Lascito Cuneo, dove si conservano il “Diario Gagliardo” e centinaia di lettere di emigranti, assicura la custodia  delle testimonianze che i ragazzi riusciranno a recuperare. Va ricordato, a questo proposito, che proprio a cura del Lascito Cuneo è stato pubblicato lo scorso anno il “quaderno” Storie di Emigrazione nel quale sono riunite le interessanti ricerche scaturite dal Concorso degli anni precedenti e numerosi documenti che se non fossero stati “scoperti” sarebbero andati perduti per sempre.

Termine di consegna dei lavori sabato 31 ottobre.

Mappa di Piri Reis (1513)

Mappa di Piri Reis (1513)

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>